Il bollo auto sotto attacco hacker, ecco cosa sta succedendo

L’attacco hacker che ha interessato i sistemi informatici della Regione Lazio non riguarda solo l’ambito sanitario. Problemi anche per il bollo auto

Regione Lazio, gli hacker bloccano la vaccinazione
Pixabay

Ha fatto e sta facendo molto clamore l’attacco hacker che ha bloccato il sistema informatico per la prenotazione dei vaccini nel Lazio.

Quello che però non forse tutti sanno che l’attacco informatico non ha riguardato solo il sistema vaccini o visite mediche ma l’intera macchina regionale della Regione Lazio e quindi tutti i sistemi informatici. Ad essere bloccati anche i pagamenti del bollo auto.

Il presidente della Regione Zingaretti ha spiegato, nel corso di una conferenza stampa, che ci vorrà ancora del tempo prima di poter ripristinare tutti i servizi e che la priorità sarà data ai servizi sanitari.

Leggi anche: Superbonus, adesso è possibile rifare anche gli infissi di casa gratis: cosa sta succedendo

Attacco hacker alla Regione Lazio, cosa accade per il bollo auto

Regione Lazio, gli hacker bloccano la vaccinazione
screenshot

Da quanto si è appreso dalla Regione Lazio, il problema principale è che gli hacker hanno intaccato con il virus tutto il sistema di backup. Questo significa che se non si riuscirà a decriptare i dati infetti, tutto il sistema e tutti i dati andranno riscritti. Ovviamente producendo innumerevoli ritardi.

Si parla di circa un mese di stop durante il quale saranno quindi fermi tutti i servii destinati ai cittadini e alle imprese. Tutti gli sportelli virtuali saranno quindi chiusi.

Come detto i problemi non riguardano solo ed esclusivamente l’ambito sanitario, come le vaccinazioni anti Covid-19, ma ci saranno notevoli disagi per le attività semplici, come il pagamento del bollo auto.

Leggi anche: Buoni fruttiferi postali, slitta la data di riscossione di luglio

Ricordiamo che se il pagamento del bollo auto non avviene entro i termini previsti, il proprietario dell’auto rischia di ricevere una sanzione che viene calcolata in base ai giorni di ritardo.

In alcuni casi può anche comportare il pignoramento sul conto, il fermo amministrativo del mezzo e anche, se si supera il limite dei 3 anni, la stessa revoca dell’immatricolazione. Vista l’impossibilità di pagamento per gli automobilisti, probabilmente sarà deciso un nuovo rinvio del pagamento.