La Cina lancia un monito agli Stati Uniti: meno ingerenza e più razionalità

Lungo vertice tra i ministri degli esteri delle due superpotenze, che si conclude con un monito del governo di Pechino agli Usa

Il Garante per la privacy riscontra criticità nel pass vaccinale del Governo Draghi
 pixabay

Fare il possibile per garantire tra le due superpotenze un clima di pacifica convivenza, altrimenti il rischio è quello di andare incontro a una vera e propria “catastrofe”. Questo il monito lanciato all’America dal Ministro degli Esteri cinese Wang Yi nel corso di un incontro che si è tenuto alla presenza del vice segretario di Stato Usa Wendy Sherman nella città di Tianjin. Un vertice che si è concluso con le parole del Ministro di Pechino che lasciano chiaramente intendere come le frizioni con gli Stati Uniti d’America, siano ancora molto lontane dall’essere risolte:Sarebbe meglio se ci fosse vantaggio reciproco e una situazione vantaggiosa per tutti. Questa è una buona cosa sia per la Cina che gli Stati Uniti, e un grande esempio per il mondo, altrimenti sarà una catastrofe”.

Nel suo discorso Wang invita gli Usa ad adottare un atteggiamento meno arrogante in politica estera e ritornare invece a rapporti dominati da razionalità e buon senso nei confronti della Cina. C’è poi la questione di Taiwan a tenere banco. La Cina continua infatti ad essere ancora profondamente infastidita dall’ingerenza americana sul tema: “Il fatto fondamentale è che la Cina continentale e Taiwan appartengono a un’unica Cina e il fatto che Taiwan faccia parte del territorio cinese non è cambiato e non cambierà”. Il governo di Pechino continua infatti a sostenere con forza la propria sovranità sull’isola, nonostante i legami politici con Taiwan si siano interrotti nel 1979, anno in cui l’isola si è dichiarata indipendente. Naturalmente i contatti politici non si sono mai interrotti realmente, prendendo più che altro un binario ufficioso su cui proseguire. 

Leggi anche: Conte e Draghi sembrano aver trovato un accordo sulla riforma della giustizia

Leggi anche: La Sardegna continua a bruciare, il governatore chiede a Draghi nuovi aiuti economici

La Cina, come ha ricordato il Ministro degli Esteri nel suo discorso, non accetta e non riconosce l’indipendenza autoproclamata di Taiwan e ritiene di avere “il diritto di prendere tutte le misure necessarie per fermarla”. Per questo il governo di Pechino chiede agli Stati Uniti di mantenere la neutralità promessa sulla questione e di agire a riguardo con la massima cautela