A Bologna ritorna a settembre la 33esima edizione del Salone del Biologico, e si farà in presenza

Dal 9 al 12 settembre, a Bologna, la 33esima edizione di SANA aprirà le porte al pubblico. Ingressi contingentati e misurazione della temperatura per i partecipanti

bio pomodori
(pixabay)

E’ programmato per settembre SANA, il Salone internazionale del biologico e del naturale. Lo spazio espositivo che accoglierà la manifestazione sarà presso il quartiere fieristico di Bologna, dal 9 al 12 settembre. Quattro giorni per immergersi nella produzione dell’alimentazione sostenibile. Si torna in presenza, la fiera farà da apripista alle successive in programma per l’autunno. Misurazione della temperatura e ingressi contingentati saranno le misure a tutela dei partecipanti.

Uno dei poli d’attrazione principali è rappresentato da “Rivoluzione Bio, gli Stati generali del biologico”, alla sua terza edizione. In occasione della fiera verrà proposta la panoramica generale sulla coltivazione biologica, attraverso la presentazione dei numeri del bio in Italia ed in Europa. Si intavoleranno discussioni sul tema. FederBio e AssoBio saranno protagonisti e moderatori degli incontri.

Questa edizione dalla forte connotazione ambientalista si colloca in un momento particolare per il biologico in Italia. La legge sulla conversione ecologica dell’agricoltura deve essere ancora approvata, sulla scia delle polemiche sul biodinamico che hanno ritardato l’approvazione normativa. Se definitiva, la legge dovrebbe stabilire le strategie agricole italiane dei prossimi 10 anni.

“Ci auguriamo di arrivare a SANA con la legge sul biologico in fase di approvazione definitiva”, dichiara Maria Grazia Mammuccini, presidentessa di FederBio.

Le aree espositive del “Salone internazionale del biologico e del naturale” saranno suddivise in tre macro-settori. “Food” sarà l’occasione per conoscere più approfonditamente l’intera filiera agroalimentare, incluse le innovazioni ed i progetti di ricerca. “Care & Beauty” sarà rivolto alla cura del corpo, attraverso i cosmetici, creme, integratori alimentari ed erbe officinali. Il tutto rigorosamente naturale e sostenibile. “Green Lifestyle” sarà il settore dedicato al consumatore sensibile al tema ecologico. Si aiuterà il cittadino ad orientarsi nelle scelte di consumo sostenibile.

Leggi anche: Alcune Ong stanno per presentare in Parlamento una legge quadro sul clima

Leggi anche: Nutri-Score, l’Italia prende posizione in UE contro l’etichetta nutrizionale a semaforo

A questo link la fonte dell’articolo