Con questa mossa Whatsapp ti blocca: migliaia di segnalazioni

Esistono alcuni comportamenti che non sono accettabili su WhatsApp e nella vita reale, e che hanno portato a oltre 2 milioni di account bloccati

Con questa mossa Whatsapp ti blocca: migliaia di segnalazioni
Pixabay

Attenzione a quello che fate su WhatsApp perché potreste finire come gli oltre 2 milioni di account che sono stati bloccati dall’app di messaggistica istantanea per aver aggirato una delle regole previste dall’app.

Il bando di massa è avvenuto in India e gli oltre 2 milioni di account bloccati sono stati sanzionati per aver contribuito a diffondere notizie false e aver utilizzato in maniera impropria i messaggi automatici o di massa. La prossima volta che decidete di mandare il buongiorno a più di qualcuno, pensateci bene.

WhatsApp: il limite per evitare le catene

Con questa mossa Whatsapp ti blocca: migliaia di segnalazioni
Pixabay

Quello in India è soltanto l’ultimo in ordine di tempo dei ban di massa che colpiscono gli account WhatsApp. A gestire questo genere di attività di controllo sull’app di messaggistica istantanea, però, non è un team ma tutto parte da un algoritmo che analizza i comportamenti degli utenti.

WhatsApp ha spiegato bene il funzionamento di questo algoritmo che assolutamente non legge i messaggi ma analizza e valuta i pattern di comportamento. Uno degli elementi che viene preso in considerazione per decidere se un account viola le regole di WhatsApp è la frequenza con cui vengono inviati i messaggi e il numero di account cui questi messaggi vengono inviati.

Vi diciamo subito che se siete caduti vittima di un ban e il vostro account WhatsApp è stato bloccato ma pensate di non aver infranto nessuna regola, a breve verrà introdotta la possibilità di far revisionare la propria situazione direttamente da dentro l’app di messaggistica istantanea senza dover passare per il servizio clienti esterno.

Leggi anche: Samsung Galaxy S21 FE, spunta Exynos accanto a Snapdragon

Torniamo adesso all’argomento dei ban. In India sono stati rimossi oltre 2 milioni di account, sui 400 milioni di iscritti attuali, e il 95% degli account bloccati si comportava inviando in maniera scorretta messaggi con una velocità anomala. A quanto pare, il limite del numero di utenti cui è possibile inoltrare lo stesso messaggio introdotto ad aprile dell’anno scorso non sta abbassando.

Leggi anche: Apple, con la nuova batteria magnetica cambia tutto

In generale, se volete evitare di essere bannati da WhatsApp, cercate di comportarvi come fareste nella vita reale: non importunate nessuno e mandate messaggi con criterio.