Conti correnti, scattano i controlli della Guardia di Finanza: multe salate

Controlli sui conti correnti, scattano le operazioni anti frode della Guardia di Finanza: massima attenzione alle multe. Ecco chi rischia

Foto Pixabay

In queste ore stanno partendo i controlli da parte della Guardia di Finanza sui conti correnti, su disposizione del governo. Continua la lotta all’evasione ma anche alle frodi da parte dell’esecutivo che sta adottando tutti gli strumenti possibili a disposizione per arginare questi fenomeni. Soprattutto attraverso una rete capillare di approfondimenti fiscali ma anche con la limitazione dell’uso del contante.

Con la circolare n. 018399 del 2 luglio si aprono gli accertamenti da parte delle Fiamme Gialle, come anticipato da ItaliaOggi. Nelle prossime ore non sono da escludere dei maxi blitz della GdF presso aziende o privati. In particolar modo potrebbero dover rispondere di questi accertamenti alcuni soggetti in particolare.

Nello specifico si parla di intermediari ma anche commercialisti ed avvocati e notai. Oltre a società di gioco online società fiduciarie e di criptovalute. Senza escludere le banche e le società di investimento. Un giro di vite che si ritiene necessario in questo momento storico per il paese.

Conti correnti: scattano i controlli delle Fiamme Gialle

Truffa conto corrente

In questo periodo storico particolare il governo non ha fatto mancare il sostegno alle famiglie ed alle imprese con tante iniziative. Ma allo stesso tempo l’obiettivo resta quello di limitare al massimo gli illeciti e le frodi anche limitando al massimo le operazioni di pagamenti in contanti. I controlli sui conti correnti che scatteranno in queste ore sulle società riguardano nello specifico quelli esteri.

La Guardia di Finanza in queste ore prenderà in esame le situazioni sospette, con depositi all’estero superiori ai 15mila euro. In alcuni casi potrebbero essere chiesti ai destinatati dei chiarimenti anche mediante invio dati. Con le risposte che dovranno essere celeri e non superiori ai 15-30 giorni.

Leggi anche: Come recedere dai contratti di telefonia? Movimento Consumatori organizza un webinar per rispondere ai cittadini

Leggi anche: Fare un mutuo costa sempre di più, riusciremo ancora a comprare casa?

In caso negativo ci potrebbero essere delle multe in arrivo che potrebbero toccare anche i 21mila euro. In caso di reticenza addirittura la soglia aumenterebbe in modo esponenziale arrivando anche a 250 mila euro. Massima attenzione, dunque, se non si vogliono avere brutte sorprese.