Raddoppiano le truffe online, ogni 6 secondi un italiano viene raggirato

Le truffe online sono raddoppiate nel 2020. Il consiglio degli esperti: “Bisogna comportarsi come si fosse sulla strada”

carta pc
(pixabay)

Il 2020 è stato uno spartiacque sotto molti aspetti. Sono sempre più numerose le statistiche che rilevano come, nell’anno della pandemia, si siano registrati numeri anomali rispetto agli anni precedenti.

Non ultimo è il campo delle truffe sul web. Secondo la polizia postale, nel 2020 i raggiri online sono raddoppiati rispetto al 2019, raggiungendo la quota di 95.000. Un record senza precedenti. Senza dubbio il maggior numero di ore passate su internet è stato un fattore che ha contribuito a facilitare gli illeciti.

La maggior parte delle truffe viene etichettata con il termine phishing (dall’inglese fishing), ovvero pescare. I truffatori tentano la pesca grossa basandosi sulla probabilità numerica: maggiore è la platea raggiunta, maggiore è la possibilità di ottenere il risultato.

Simone Zonca, 27 anni, racconta la propria spiacevole avventura: “È arrivata una mail alla mia ragazza che diceva che i soldi del conto erano a rischio. La mail rimandava a un sito dell’Intesa Sanpaolo, o almeno così ci sembrava. Aveva persino il logo di “sito sicuro e affidabile” di Google. Ci chiedeva di aggiornare le credenziali, lo abbiamo fatto e in 30 secondi i truffatori avevano fatto partire un bonifico di 3.400 euro. La cosa peggiore è che la banca non è riuscita a fermare il bonifico, anche se l’abbiamo avvisata immediatamente, ci hanno detto che era colpa nostra. Era la vigilia di Natale, abbiamo perso tutti i soldi”.

Leggi anche: Ti portano via tutto, la nuova truffa segnalata su AirBndB

Cosa fare per evitare il phishing

phishing
(pixabay)

Questa testimonianza ripercorre puntualmente le tappe del classico tipo di truffa. Le variabili sono che il messaggio di allerta può arrivare via mail o via sms, ancora più confidenziale.

La polizia postale dice che non è semplice rintracciare gli autori del furto, spesso si trovano all’estero e questo complica l’iter burocratico delle indagini. La soluzione che in molti paventano è una formazione digitale maggiore per i cittadini.

La tecnologia in Italia sta facendo grandi passi avanti, la formazione digitale no. Se gli utenti non abboccano al phishing, non c’è caccia grossa che possa tenere.

Leggi anche: Il Garante della Privacy ha multato Iren per 3 milioni di..

Il principio di base da ricordare è che banche o esercizi commerciali non chiederanno mai all’utente di inserire le proprie credenziali online. Sono private e tali devono rimanere.