Intercettazioni, come capire se il nostro telefono è sotto controllo

Intercettazioni, c’è un modo per capire se il nostro telefono è sotto controllo: ecco una guida per rendersi conto se si è “spiati” o meno

ricarica telefono
Pixabay

Ci sono dei modi per capire se il nostro telefono è sotto controllo. Piccoli accorgimenti che ci indicano se ci sono datori di lavoro o partner che intendono invadere la privacy. E’ stato il perito informatico forense Paolo Reale a “Quarta Repubblica” a dare tutte le spiegazioni cercando di fornire anche delle indicazioni su come capire se si è in presenza di intercettazioni o meno.

Partendo dal presupposto che si può essere intercettati dallo Stato o da terzi, ci sarebbero delle avvisaglie che ci possono portare a capire quando si è in presenza di questa situazione che nessuno si potrebbe immaginare. Oggi è molto semplice intercettare uno smartphone, perché il sistema per farlo è conosciuto.

Ci sono i “trojan”, captatori informatici che vengono installati dentro il telefono. E che riescono a carpire tutte le informazioni sul cellulare. Oggi è davvero molto semplice intercettare un telefono, ed entrare nelle vite delle persone.

Intercettazioni, ecco come accorgercene

Quanto tempo passiamo con lo smartphone in mano I dati
Pixabay

Ad oggi c’è un sistema molto semplice che può attivare le intercettazioni su un nostro smartphone. Parliamo di trojan che arrivano sul nostro telefono tramite sms o link che si devono seguire per installare il programma. Siamo infatti noi stessi ad attivare questo sistema senza accorgercene. Magari pensando ad un messaggio delle compagnie telefoniche.

Mai cliccare su questi link se si vuole mantenere la privacy. Ma ci sarebbero anche altri segnali che possono far scattare l’allarme. Parliamo di un consumo anomalo del traffico dati, situazione che può far riflettere. Ma c’è più di tutti un avvertimento che indica la possibilità di avere il telefono intercettato.

Leggi anche: Olivia Paladino, quanto guadagna la compagna dell’ex premier Conte? Vi stupirà

Leggi anche: La villa di Beppe Grillo è in affitto: ecco quanto costa – FOTO

Si tratta di un consumo anomalo della batteria, ma anche il telefono che si surriscalda. Elementi che con molta probabilità potrebbero indicare la situazione di violazione della propria privacy. Anche da parte di un familiare o un partner che intende spiarci.