In Sicilia è nata la prima comunità agricola di autoconsumo energetico

Un progetto supportato da Enel X con la collaborazione della Banca agricola di Ragusa

fotovoltaico
(pixabay)

Sono in aumento le realtà agricole che scelgono di costituire delle comunità sostenibili, con la condivisione di progetti e valori ambientalisti. Dopo l’incremento degli ecodistretti rurali, un’altra realtà apre le porte in Italia. E la prima tappa è la Sicilia.

A Ragusa nasce la prima comunità agricola di autoconsumo energetico. Il progetto è costituito da numerose aziende agricole locali, che hanno deciso di aderire all’iniziativa supportata dalla Banca agricola di Ragusa e da Enel X. La Mediterranea Società Consortile Agricola coordinerà e dirigerà le altre aziende.

“Essere riusciti a coinvolgere il comparto agricolo, per le Comunità Energetiche significa aprire un nuovo e interessante capitolo e allargare un cerchio che, dalla prima CER operativa d’Italia a Magliano Alpi e dopo il primo condominio autoconsumatore d’Italia a Pinerolo, oggi abbraccia anche il settore dell’agricoltura“. Così commenta l’iniziativa Gianni Pietro Girotto, Presidente della Commissione industria del Senato.

L’energia alternativa coinvolge anche il settore agricolo. La comunità energetica ragusana include piccole e media imprese locali per un’estensione totale di 60 ettari. Quali sono i vantaggi? Il progetto prevede la realizzazione di impianti fotovoltaici dalla potenza di 200 kW. Il fotovoltaico, a differenza dei pannelli solari, non solo permette la produzione di energia a costo zero, ma allo stesso tempo consente di incamerare e distribuire (o vendere) a terzi l’energia realizzata.

In questo modo si otterrebbero introiti dalla vendita di energia e numerosi incentivi statali, stanziati per finanziare il programma di conversione sostenibile. La comunità ragusana, grazie al progetto, sottrarrà all’ambiente 121 tonnellate di CO2 annue. I pannelli fotovoitaici, utilizzando la luce naturale per produrre energia, eliminano la dipendenza dal carburante fossile.

E quale luogo migliore della Sicilia per utilizzare il sole come fonte energetica?

La buona notizia è che quest’iniziativa sia partita da una delle regioni più arretrate in tema di conversione energetica e di accesso ai finanziamenti statali.

Augusto Raggi, Responsabile Enel X Italia: “Con questa iniziativa diamo vita alla prima comunità energetica aperta alle PMI del comparto agricolo, che costituisce un esempio per iniziative simili da realizzare nel resto del Paese”

Saverio Continella, Direttore Generale della Banca Agricola Popolare di Ragusa, spiega: “Alla scelta green abbiamo dato un senso concreto. La banca è pronta a sostenere il finanziamento delle comunità energetiche sia se costituite da imprese o da privati, sia se promosse dalle pubbliche amministrazioni”.

Leggi anche: Eurovo promette lo stop all’allevamento in gabbia delle galline entro il 2022

Leggi anche: Federbio: “La modernità agricola è nelle mani di coloro che lavorano la terra”

A questo link la fonte Ansa dell’articolo