Netflix, alla ricerca dei titoli perduti: cambia il catalogo per gli utenti

Il catalogo Netflix è corredato da tante novità e serie tv, ma talvolta si scorge qualche perla del passato che vale la pena rispolverare

qualcosa è cambiato
(Wikipedia)

Le ultime uscite sono sicuramente dei prodotti molto attesi e che creano aspettative nel pubblico. Le star del momento si ergono sulle locandine come divinità pagane, ed il pubblico sceglie gli abbonamenti on demand anche per poter assaporare in anteprima dei prodotti “mai visti”.

Ma talvolta, a ben spulciare il catalogo Netflix, si trovano delle piccole perle che hanno avuto successo di pubblico negli anni ’80 e ’90 e che non sono diventati cult.

Ma non per questo motivo è bene ignorarli. Nei film messi a disposizione per gli abbonati al colosso dello streaming, si trova il film “Qualcosa è cambiato”, pellicola del 1997, diretta da James Brooks.

Protagonista incontrastato è Jack Nicholson, nei panni di un misantropo e misogino scrittore di New York, che vede la propria vita modificarsi da un giorno all’altro.

Coprotagonista la bravissima Helen Hunt, che con questa interpretazione si è aggudicata un premio Oscar come miglior attrice.

Leggi anche: Jupiter’s Legacy, la serie Netflix è stata cancellata: le motivazioni

“Qualcosa è cambiato”, il film su Netflix da non dimenticare

La trama ruota intorno al personaggio di Melvin Udall, individuo misogino, razzista ed omofobo, che deve il suo successo alla scrittura di romanzi rosa. Mentre nel proprio lavoro Melvin riesce ad avere accesso ai sentimenti più profondi, la propria quotidianità è condotta da fobie e disprezzo per il prossimo. Ma come spesso accade, non tutto si può controllare, e l’ingresso di una donna e di un omosessuale nella vita di Melvin muteranno profondamente le sue abitudini.

La trama non rende giustizia allo spessore del film, sviluppato magistralmente dalla regia ed interpretato da protagonisti privi di clichè. Non si parla di un prodotto stile USA sul riscatto dei sentimenti umani, ma di un ritratto delicato e sensibile della condizione dei protagonisti, che in molte sfaccettature può essere considerata universale.

La rivista Empire lo ha inserito nella classifica dei 500 migliori film di tutti i tempi.

Leggi anche: “Cuphead” diventa cartone animato Netflix, con disegni anni ’30

Per chi lo ha perso o per chi desidera rivederlo “Qualcosa è cambiato” è (ancora) disponibile su Netflix.