Occhiali a realtà aumentata presto realtà? Le ultime dai big della tecnologia

Gli occhiali a realtà aumentata potrebbero ben presto diventare un accessorio di massa già a partire dal 2022

Apple, visori per la realtà aumentata in arrivo a partire dal 2022
Apple, visori per la realtà aumentata in arrivo a partire dal 2022 (foto: youtube)

Ben presto potremo usare gli occhiali a realtà aumentata tutti i giorni e per navigare su internet o per interagire sui social network.

I big della tecnologia, da Apple a Facebook, passando per Sony e Snap, sono infatti all’opera per far diventare gli occhiali a realtà aumentata (AR) un accessorio per il pubblico di massa.

In particolare è Apple che potrebbe far diventare gli occhiali a realtà aumentata un oggetto comune a partire dalla metà del prossimo anno.

Leggi anche: Bando tecnici al Sud: migliaia di posti nel pubblico. Le figure ricercate

Occhiali realtà aumentata, i progetti

(Getty)

Anche se non ci sono conferme dirette dalla Apple riguardo il progetto per la AR, attualmente il colosso di Cupertino sta lavorando con Genius Electronic Optical, azienda produttrice di lenti trasparenti, al lavoro per fornire i suoi vetri anche a Facebook e Sony.

Il progetto di Apple punterebbe su un dispositivo da design leggero e capace di inviare e ricevere informazioni dal web tramite connessione Wi-Fi o via Bluetooth con un iPhone abbinato.

Intanto Facebook sta progettando uno smartwatch, un orologio con due fotocamere integrate e app per controllare direttamente i contenuti sugli occhialini proprietari, che il gruppo realizzerà sul finire del 2022.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, arriva un nuovo obbligo per i beneficiari

Ancora Snap ha lanciato i suoi Spectacles di seconda generazione, occhiali dotati di due fotocamere, quattro microfoni, due altoparlanti stereo e controlli touchpad integrati per visualizzare nel mondo reale foto, video e contenuti interattivi presenti normalmente in due dimensioni sul social.

Infine Sony intende riprendere gli SmartEyeglass e votarli più all’uso in azienda che a quello dei videogiochi.