Chi era Shirley Temple la donna a cui Google ha dedicato il Doodle

Oggi 9 giugno Google ha dedicato il suo Doodle a una donna si tratta di Shirley Temple. Andiamo a scoprire chi era e perchè è diventata così celebre.

Foto (Screenshot Google)

Shirley Temple è stata un’attrice e poi diplomatica statunitense che si è fatta conoscere in tutto il mondo. Nata a Santa Monica il 23 aprile del 1928 e il suo esordio arrivo da piccolissima quando fu scelta, dopo una visita del regista nella sua classe, per Baby Burlesks. Shirely però non era solo attrice ma anche una ballerina appassionata e con la sua grazie e il suo talento nel tip-tap è stata scelta per diverse produzioni.

I suoi boccoli biondi le consentono di entrare nel cuore degli americani e quando non ha ancora compiuto 12 anni ha già girato oltre 40 pellicole. I titoli rimasti nell’immaginario collettivo sono certamente Riccioli d’oro del 1935, Shirley Aviatrice del 1936, La reginetta dei monelli del 1936, Zoccoletti olandesi del 1937 e Rondine senza nido del 1938. Con l’adolescenza il successo va pian piano sfumando. Shirley Temple non ha alcuna intenzione di sparire dalle scene, anzi si rimette in gioco e ottiene importanti riconoscimenti ma in tutt’altro ambito.

Leggi anche: Rivoluzione WhatsApp, arriva la nuova incredibile funzione

Chi era Shirley Temple a cui Google ha dedicato il Doodle di oggi

Foto (Pixabay)

Alla fine degli anni ’40, anche a causa dei flop di alcuni suoi film, decide di ritirarsi dalle scene. Dopo il matrimonio con Charles Black, Shirley Temple decide di dedicarsi alla politica, candidandosi al Congresso degli Stati Uniti per il Partito Repubblicano nel 1967.

Leggi anche: Quanto guadagna Chiara Nasti? E’ tra le influencer più pagate

Riuscirà nella sua carriera politica a rappresentare gli Stati Uniti all’Assemblea Generale dell’Onu nel 1969. Diviene poi ambasciatrice Usa in Ghana nel 1974, prima di essere nominata capo del protocollo alla Casa Bianca dal presidente Gerald Ford. L’ultimo suo incarico è stato quello di ambasciatrice Usa in Cecoslovacchia tra il 1989 e il 1992.