Digitale terrestre, tutte le novità previste per giugno

Digitale terrestre, anche nel mese di giugno sono previste novità per alcune regioni, con aggiornamenti di frequenze e di decoder. I dettagli

Digitale terrestre
Pixabay

Per questo mese di giugno sono previste delle novità importanti per quel che riguarda il digitale terrestre, soprattutto in quanto a cambiamenti di frequenze e spostamenti di canali. Passano le settimane e ci si avvicina sempre più alla data di settembre, quella che prevede lo Switch Off con il definitivo passaggio alla codifica MPEG-4 per tutte le emittenti. Una svolta annunciata ormai da mesi.

Interessati ai cambiamenti di queste ore sono i MUX sia regionali che nazionali. Nel dettaglio ci saranno delle novità per quello della Sicilia. Alcuni MUX DFREE vengono spenti o rottamati in quel che resta un percorso ormai avviato da tempo. Ma in un caso si è trattato di un accordo con Malta con lo spostamento del Multiplex ed altre operazioni tecniche.

Leggi anche: Crisi climatica, alcune Ong hanno deciso di fare causa allo Stato Italiano

La vera data che bisognerà seguire resta quella di metà del 2022 con l’aumento delle trasmissioni televisive che potranno sfruttare la presenza delle stesse frequenze grazie all’uso del codec H.265. In questo modo occupando meno spazio nell’etere.

Digitale terrestre, cosa cambia in tre regioni

Foto Pixabay

In merito a questi cambiamenti annunciati in chiave digitale terrestre, andiamo a scoprire cosa è previsto per tre regioni in particolare a partire da questo mese di giugno. Partiamo dalla Sicilia che farà registrare un massiccio spostamento delle frequenze soprattutto nelle province di Agrigento Caltanissetta Catania Enna e Ragusa. Ma anche Trapani e Siracusa con il MUX DFREE che trasmette su frequenza UHF 37.

Come abbiamo anticipato sopra, si tratta di operazioni coordinate con Malta e che evitano le interferenze. Cambiamenti anche in Calabria con la rottamazione di MUX Telitalia e passaggio a MUX Soverato Uno. Ma le novità di queste settimane non hanno riguardato solo le regioni del Sud. Cambiamenti in vista anche per il Piemonte.

Leggi anche: Fisco, le piccole imprese pagano 21 miliardi di tasse in più rispetto ai giganti del web

Con l’arrivo di nuove emittenti nel MUX Primantenna: si tratta di Quintarete e Radio Beckwith. I MUX nazionali hanno subito invece una modifica, con il trasferimento dell’emittente Italia Tv3 dal MUX Canale Italua al MUX rete Capri. Nelle prossime settimane i cambiamenti continueranno, fino al completamento del processo di digitalizzazione che si compirà nel 2022.