Finanza, la Corte dei Conti boccia il cashback e la lotteria degli scontrini

Il cashback di Conte è stato bocciato dalla Corte dei Conti. E’ quanto emerge dal Report 2021 sul coordinamento della Finanza pubblica.

Foto Pixabay

La Corte dei Conti boccia il cashback, la misura fiore all’occhiello voluta e messa in atto dal governo Conte.

Il Report 2021 della Corte dei Conti sul coordinamento della Finanza pubblica che vede nel cashback limiti, criticità e zone d’ombra. Una prima analisi sull’uso della moneta elettronica ha fatto emergere l’esistenza di criticità e limiti e ha fotografato “enormi difficoltà” nel monitorare i reali effetti economici e tributari della misura.

Leggi anche: Nessun club ha lasciato la Superlega: “Rinunce solo a parole”

Corte dei Conti, cashback: ecco cosa non ha funzionato

Bonus Cashback
Pixabay

Nel Report sul coordinamento della Finanza pubblica sono finiti nel mirino della magistratura contabile le mancate distinzioni tra i beni e i servizi oggetto delle transazioni e i soggetti che rendono la prestazione.

Per evitare l’evasione fiscale la Corte auspica “una soluzione che privilegi i pagamenti verso operatori medio piccoli. Prevedendo un incentivo differenziato”. Troppo basso, invece, il numero minimo di operazioni richieste nel semestre per il rimborso.

Bocciata anche quella che è stata definita la lotteria degli scontrini, ovvero il premio per i primi 100mila utenti per operazioni nel semestre. L’importo di 1500 euro “appare eccessivo”.  La complessità delle operazioni e la conoscenza “differita” della vincita non alimenta l’interesse del consumatore.

Leggi anche: Avellino, 7 persone indagate per la maxi truffa dell’eolico

A seguito del Report della Corte dei Conti non si è fatto attendere il commento della leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni che chiede a Draghi l’abolizione di quest’ultimo per destinare i fondi alle piccole e medie imprese che rischiano di chiudere i battenti.