Nessun club ha lasciato la Superlega: “Rinunce solo a parole”

Non sembra placarsi la querelle legata alla Superlega. Dalla Spagna arriva l’incredibile indiscrezione: nessun club ha abbandonato l’iniziativa.

Proteste contro la Superlega
Stadio pieno (Pixabay)

La vicenda Superlega ha scosso il mondo del pallone. Le 12 squadre fondatrici: Manchester United, Manchester City, Arsenal, Chelsea, Liverpool, Tottenham, Real Madrid, Barcellona, Atletico Madrid, Juventus, Inter e Milan avrebbero voluto creare una competizione parallela alla Champions League, stravolgendo di fatto quello che è il calendario della UEFA ma anche le abitudini e le prospettive dei tifosi.

L’intento era quello di concedere l’accesso a 20 squadre: 15 membri fondatori, oltre a quelli sopracitati ci sarebbero state altre 3 società interessate, e 5 club ammessi a rotazione in base ai risultati sportivi. Sono seguite tantissime polemiche giunte anche da autorevoli personaggi del mondo della politica, oltre che dello sport. A poche ore dall’annuncio della Superlega è arrivato il clamoroso dietrofront, o forse no?

Leggi anche: Roland Garros, Berrettini-Daniel: dove vederla in streaming su Eurosport

Superlega: rinunce solo a parole

Sanzioni superlega

Sono seguiti giorni di contrattazioni e discussioni con i club inglesi che hanno lasciato per primi la Superlega seguiti a ruota da gran parte dei club fondatori. Un progetto naufragato improvvisamente che ha comunque lasciato sbalorditi i tifosi, sia delle società coinvolte che delle tantissime che sarebbero rimaste escluse della manifestazione.

Dalla Spagna, però, arriva una clamorosa indiscrezione: i club non hanno abbandonato il progetto Superlega. A riportare la notizia è El Confidencial che scrive testualmente: “La Superlega non è morta“. Nonostante le prese di posizioni pubbliche l’accordo con gli investitori non è stato ancora risolto.

Leggi anche: SuperEnalotto e Lotto, affidatevi a questi numeri: indizio vincente

Visto che nessuna società ha portato la questione in tribunale secondo El Confidencial tutti sono ancora coinvolti nel progetto. Bisognerà ora capire se arde ancora fuoco sotto la cenere o si tratta di un passaggio quasi consequenziale rispetto alle uscite pubbliche delle varie società che sarà avviato nei prossimi giorni.