ToxiScore, l’etichetta francese per detergenti e detersivi

Arriva dalla Francia la proposta di una nuova etichetta chiamata ToxiScore e che dovrebbe dare un voto ai prodotti utilizzati per la pulizia, detergenti e detersivi domestici.

ToxiScore, l'etichetta francese per detergenti e detersivi
ToxiScore, l’etichetta francese per detergenti e detersivi (foto: pixabay)

Detergenti e detersivi che utilizziamo in casa potrebbero in un futuro avere una etichetta chiamata ToxyScore, che il Governo francese punta ad implementare da 2022. L’idea , al momento limitata alla Francia, potrebbe poi essere ripresa anche da altri paesi dell’Unione Europea.

Non è la prima volta che si cerca di dare un’etichetta chiara ai prodotti per la pulizia in Francia. Qui la lega contro il cancro e la rivista 60 Milions de consommateurs hanno chiesto già nel 2019 di istituire un bollino per i prodotti domestici tossici. Ora arriva dal Governo la proposta di implementare questa nuova etichettatura con un punteggio definito appunto ToxiScore.

Leggi anche: Ostaggi delle multinazionali, Feder Bio boccia il parere della Commissione Ue sulla nuova normativa OGM

ToxiScore: come funziona l’etichetta dei prodotti per la casa

ToxiScore, l'etichetta francese per detergenti e detersivi
ToxiScore, l’etichetta francese per detergenti e detersivi (foto: pixabay)

L’idea del Governo francese è innanzitutto quella di avere questa nuova etichettatura sui prodotti per la casa a partire dal 2022. Sarà, questo è il piano del Governo, un modo per permettere ai consumatori di sapere immediatamente quanto è potenzialmente pericoloso il prodotto che si sta per acquistare. Il modello del ToxiScore riprenderà in parte quello già visto per il NutriScore che viene applicato in Francia e in alcuni altri paesi dell’Unione Europea sui prodotti alimentari e che permette di quantificare con un colore la qualità nutrizionale di un prodotto.

Come spiegato dalla ministra francese per la transizione ecologica Barbara Pompili, il problema è che le etichette dei prodotti per la pulizia sono al momento molto complicati e c’è quindi bisogno di un sistema più semplice per poter riconoscere immediatamente quali sostanze tossiche sono presenti e quanto sono tossiche.

Leggi anche: “Scapigliato alberi”, un progetto di impianto di 245mila piante

Al momento non sono ancora stati resi noti quali saranno i parametri per dare il bollino ai prodotti ma probabilmente si tratterà di rendere più chiare le informazioni relative ai pericoli per la salute umana e ai possibili danni arrecati all’ambiente.