Silvio Berlusconi, prestito da 80 milioni e ipoteca sulla villa. Ecco perchè

Silvio Berlusconi ha in vista un mega investimento da 80 milioni di euro che ha richiesto l’ipoteca sulla fantastica villa. Vi spieghiamo il motivo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da  (@silvioberlusconi_official)

Silvio Berlusconi è uno dei politici e degli statisti più conosciuti del nostro paese. Secondo quanto rivelato da Iltempo, il leader di Forza Italia avrebbe richiesto un prestito obbligazionario da 80 milioni di euro, il secondo in pochi anni, per investire su un mercato che ama particolarmente ovvero quello del mattone.

Per ottenere il prestito Berlusconi avrebbe dovuto ipotecare una delle sue immense e affascinanti ville. Nello specifico, secondo la stessa fonte, come garanzia è stata posta un’ipoteca di secondo grado sull’intero complesso immobiliare di Villa Certosa, l’esclusiva residenza estiva a Porto Rotondo.

Leggi anche: Quanto guadagna Riccardo Guarnieri a Uomini e Donne? Svelato il cachet

Silvio Berlusconi, prestito da 80 milioni. Ecco perchè

Idra Immobiliare, ovvero la società che ha la proprietà formarle delle residenze di Silvio Berlusconi sia in Sardegna, che ad Arcore e a Macherio, ha lanciato un nuovo prestito obbligazionario da 80 milioni di euro. Stesso importo già ottenuto nel 2018.

Sempre secondo quanto riportato da Iltempo, la durata del prestito sarebbe di sei anni con un tasso fisso nominale annuo del 2,70%, che sarà pagato tutto in un’unica soluzione alla data di scadenza del prestito. Se vi state chiedendo il perchè di una scelta finanziaria di questo tipo la risposta è semplice: Silvio Berlusconi potrebbe portare a termine le ristrutturazioni delle sue ville.

Leggi anche: Sophia Loren trionfa ai David: i guadagni faraonici della celebre attrice

Nessun problema economico quindi ma solo la necessità di investire nel mercato immobiliare e tutelare alcuni dei beni ai quali il presidente del Monza è maggiormente legato.