Monete rare, questa l’hai vista spesso: vale 1.400 euro! 

Monete rare, attenzione a questo pezzo che avete visto di certo più volte nella vostra vita. Controllate a casa: oggi vale un botto

Foto Pixabay

Il collezionismo di monete, si sa, è un fenomeno assai diffuso in Italia e nel mondo. Questo riguarda tre situazioni in particolari. In primis i denari con errore di conio, ovvero messi sul mercato erroneamente nonostante si trattasse di prototipi prova o con grossi difetti di fabbricazione. Questi, a onore del vero, non sarebbero mai dovuti arrivare tra le mani dei civili ma fermarsi all’ultimo stop di una catena di controlli non banale all’interna della Zecca di Stato.

Ma errare humanun est, soprattutto dopo un’intera giornata di lavoro e un occhio che inevitabilmente si stanca nell’osservare continuamente le stesse rappresentazioni. Ed è così che, nonostante tutto, soano stati messi sul mercato dei pezzi inesatti e che oggi valgono oro. Gli altri pezzi preziosi, invece, sono quelli legati ad alcuni eventi storici e creati ad hoc per commemorare un evento specifico.

Leggi anche: Moneta da 10 centesimi, sapete di chi è il volto sul retro?

Monete rare, attenzione alla 50 lire che vale un tesoro

Mini monete
Mini moneta da 50 lire (Screenshot YouTube)

Così come ricercatissime sono le valute precedenti e senza un valore economico e giuridico. Come le vecchie lire italiane per esempio, accantonate ormai da anni per far spazio all’euro. E’ chiaro che, in questo caso, una tale moneta diventa rara poiché sarà sempre più difficile riscontrare nuove versioni dopo il ritiro dello Stato. Tuttavia sono stati in tanti che hanno gelosamente conservato per ricordo o per collezionismo amatoriale delle lire che oggi potrebbero comportare una rendita super.

Attenzione, a tal proposito, soprattutto alla 50 lire di un tempo. Ce ne sono diverse e ognuna può valere abbastanza, ma attenzione soprattutto a quella del 1958. Questa, infatti, è particolarmente rara in quanto ne sono stati prodotti solo 825.000 pezzi. L’immagine la ricorderete di certo: è rappresentato il dio Vulcano mentre batte col martello sull’incudine. In questo caso, oltre all’immagine, troverete anche l’anno di produzione che risponde proprio al 58.

Dall’altra parte, invece, ci sarà la classica donna con corone di foglie sul capo. Come riporta Moneterare.net, un pezzo del genere, se tenute in ottime condizioni, può arrivare a valere 1.400 euro. Altrimenti, se un po’ più malridotta, bisognerà ‘accontentarsi’ di 1.000 euro o poco giù. Se avete amici, zii o nonni che conservano ancora delle lire a casa, sarebbe il caso di darci subito una controllatina.