Nuovo digitale terrestre, milioni di tv da cambiare: ecco quali sono compatibili

Nuovo digitale terrestre: ci sono milioni di apparecchi televisivi da sostituire nei prossimi mesi, scopriamo quali sono compatibili

Digitale terrestre
Pixabay

Novità in arrivo per gli utenti in possesso di apparecchi televisivi e decoder. Previsto per il 2021 l’aggiornamento della normativa sul nuovo digitale terrestre che prevede la sostituzione dei sistemi obsoleti per adeguamento alla nuova tecnologia. L’Italia si appresta al passaggio definitivo alla tv 4.0, con la prima fase di transizione cominciata già a gennaio 2020 con la nascita di nuovi canali dal 50 al 53.

Tanti gli utenti che hanno dovuto risintonizzare gli apparecchi, ma dal prossimo autunno sono previsti gli adeguamenti definitivi con la sostituzione delle tv obsolete che daranno spazio alla tecnologia Mpeg-4 che sancirà l’abbandono di quella Mpg-2. Questa operazione non sarà affatto semplice anche perché si considera che saranno ben 30 milioni le tv da cambiare.

Leggi anche: Mino Raiola, svolta in arrivo: il nuovo business milionario dell’agente

La sostituzione ovviamente avverrà con nuovi apparecchi in vendita dal gennaio 2017 in grado di supportare canali ad alta definizione. La data prevista per questo passaggio è quella del 1 settembre 2021, quando i vecchi televisori smetteranno definitivamente di funzionare.

Nuovo digitale terrestre, 30 milioni di tv da sostituire

Digitale terrestre
Tv digitale terrestre (Pixabay)

Entro il mese di giugno 2022 si arriverà alla sostituzione di tutti gli apparecchi in grado di supportare la nuova tecnologia. Quella del nuovo digitale terrestre rappresenta un traguardo che il paese si pone in campo tecnologico ed innovazione. Non ci sono tanti passaggi da compiere per gli utenti dotati di tv già dotate di nuova tecnologia con l’aggiornamento che dovrebbe andare in automatico.

Ad ogni modo per assicurarsi che il proprio apparecchio sia dotato della nuova tecnologia basta andare a controllare nel manuale di istruzioni e leggere la sigla Dvbt-2 Hevc Main 10. Chi invece non ha ancora provveduto all’adeguamento di questa tecnologia dovrà provvedere alla sostituzione dell’apparecchio.

Leggi anche: Banche, stop ai contanti: un istituto chiude ATM e casse automatiche

Con la nuova tecnologia si potranno guardare nuovi canali ad alta definizione sia video che audio. Una svolta tecnologica attesa da tempo e che porterà ad una qualità superiore sfruttando le nuove tecniche di trasmissione.