La rinascita del Como: il salto dalla D alla B con la proprietà miliardaria

La Rinascita del Como Calcio è avvenuta in appena due anni con il passaggio dalla serie D alla serie B grazie ad una proprietà miliardaria

Como calcio
Pixabay

Appena due anni fa nasceva la favola del Como calcio, storica squadra che negli anni 80′ ha militato stabilmente nel calcio di massima serie vivendo probabilmente il suo momento migliore della storia. Attaccanti come Dan Corneliusson, solo per fare qualche nome di quella formazione, sono presenti nella classifica marcatori dell’epoca con stabilità. Il presente della formazione lariana è adesso la serie B.

Dopo la ripartenza e la serie D con la nuova proprietà sono arrivate due promozioni prima in Lega Pro e poi in serie B. Adesso nessun sogno per i tifosi appare precluso, in quanto la società inglese con ceo statunitense e vertici indonesiani pare faccia sul serio. La cifra ingente investita fino ad oggi per il doppio salto di categoria fa ben sparare la città che adesso ha fame di grande calcio.

Leggi anche: Facebook, iniziano i test per il nuovo algoritmo del Feed delle notizie

L’obiettivo non dichiarato ma che resta concreto è quello di approdare in qualche anno in serie A. La strada non sarà sicuramente in discesa, ma le premesse consentono di sognare.

La rinascita del Como in due anni: il sogno è la serie A

Como calcio
Calcio (Pixabay)

Ma scopriamo qualcosa di più di questa società che ha permesso la rinascita del Como calcio dai dilettanti fino alla serie B. Parliamo della SENT Entertainment che ha acquisito il club lariano e che è guidata da una delle famiglie più ricche dell’Indonesia, gli Hartono. L’impero economico che hanno costruito negli anni è di 40,2 miliardi di euro.

Robert e Michael, fratelli e proprietari della SENT sono stati indicati da Forbes tra gli uomini più ricchi del mondo del calcio, addirittura primi in Italia tra gli imprenditori facoltosi dello sport. Partiti dal commercio delle sigarette ben presto sono passati al mercato immobiliare arrivando al successo clamoroso.

Leggi anche: Telegram, in arrivo interessanti novità su pagamenti, vocali e web

Ad oggi la famiglia ha investito nel Como ben 6 milioni di euro, cifra che ha permesso il doppio salto e l’approdo nei professionisti e nel calcio che conta.