Telegram, in arrivo interessanti novità su pagamenti, vocali e web

Pagamenti più facili, piccola rivoluzione delle chat vocali e possibilità di due nuove App web: queste le novità principali introdotte da Telegram.

Telegram, in arrivo interessanti novità su pagamenti, vocali e web
Telegram, in arrivo interessanti novità su pagamenti, vocali e web (foto: pixabay)

Telegram, l’arcinemico di WhatsApp, ha pronti alcuni cambiamenti che riguardano i pagamenti, le chat vocali e la versione web. In particolare, da adesso, i commercianti potranno farsi pagare nativamente con carta di credito utilizzando uno degli otto fornitori di pagamento di terze parti integrati nell’app di messaggistica.

La nuova versione è già disponibile per chi utilizza Telegram su dispositivi iOS, mentre se la cercate sul Play Store di Google dovrete aspettare ancora un po’ perché Google sta riscontrando tempi di revisione più lunghi del solito. Ma è disponibile sul sito ufficiale di Telegram.

Leggi anche: Pensioni, dal 2022 addio a ‘Quota 100’ si torna al regime Fornero

Telegram, la guerra aperta con WhatsApp e a tutti gli altri

Telegram, in arrivo interessanti novità su pagamenti, vocali e web
Telegram, in arrivo interessanti novità su pagamenti, vocali e web (foto: pixabay)

Per attirare sempre più utenti, in particolare quelli che si ritrovano scontenti dei nuovi termini di utilizzo di WhatsApp ma non solo, Telegram sta modificando alcuni elementi piccoli ma importanti. Le modifiche, che sono disponibili già nella versione aggiornata dell’app di messaggistica istantanea, riguardano i pagamenti che possono essere fatti direttamente dentro l’app, le chat vocali e la nuova versione web.

Cominciamo da quest’ultima. Sono disponibili da oggi due App web di Telegram nuove e complete. Su entrambe sono utilizzabili gli sticker animati, le cartelle della chat, la modalità scura, e diverse altre funzioni della versione per smartphone. La comodità, rispetto per esempio WhatsApp web, è che il servizio web di Telegram non è un’app da installare e ha bisogno soltanto del download di una manciata di file che in totale fanno 400 KB.

Questa nuova versione web permette di raggiungere le proprie chat e il proprio profilo Telegram da qualunque dispositivo sia desktop sia mobile. Un’altra differenza rispetto a WhatsApp web è che non c’è bisogno di tenere il telefonino vicino e attivo per poter usufruire della versione web. Quindi è possibile utilizzare Telegram ovunque, o quantomeno in molti più luoghi rispetto a dove è possibile utilizzare Whatsapp web.

Passiamo ora alla novità che riguarda i pagamenti. Dentro Telegram è già possibile fare acquisti utilizzando per il pagamento i bot create appositamente. Con l’aggiornamento dell’ultima versione, però, le modalità di pagamento disponibili per i commercianti sono aumentate in quanto adesso possono accettare, tramite alcuni fornitori di pagamenti, direttamente le carte di credito. Al momento Telegram supporta 8 società di gestione di pagamento tra cui Stripe, Yandex.Money, Tranzzo, e Payme.

La possibilità di pagamento è attiva su qualunque versione dell’app, compresa la versione web. C’è in più la possibilità, se si acquista per esempio un prodotto da un artigiano, di lasciare anche una piccola mancia.

L’ultima novità riguarda le chat vocali. Questa nuova opzione, che ricorda Clubhouse, permette di fare chiacchierate con altri utenti oppure di sintonizzarsi su trasmissioni in diretta tenute da altri utenti. La novità è che adesso è possibile programmare le chat vocali indicando la data e l’ora. Questo sistema, quindi, permette ai creatori di contenuti su Telegram di organizzarsi in una sorta di calendario per permettere a quanti vogliono seguire l’evento in chat vocale di prepararsi per tempo.

Con un sistema che ricorda un po’ gli stream che si trovano su Twitch o anche sulla piattaforma Behance, quando si entra nella chat vocale programmata fino a quando non partirà il vocale si vedrà un conto alla rovescia che permette anche di sapere quanto manca alla trasmissione. Telegram ha in più implementato la possibilità di dare una sbirciata alle immagini profilo e alle biografie di quanti stanno partecipando alla chat vocale senza dover uscire e poi rientrare.

Leggi anche: Pensioni, i requisiti 2021 per tutti i trattamenti INPS

Si tratta di una serie di novità che sicuramente servono a distinguere Telegram da WhatsApp, innanzitutto, ma che lo mettono anche in competizione con le piattaforme di streaming per esempio. Telegram, quindi, sta cercando di porsi come nuovo social network a 360° implementando le funzioni di un centro commerciale, di un’app di messaggistica e della radio 2.0.