Annalisa Minetti, di che malattia soffre? La tecnologia in suo aiuto

Annalisa Minetti è una cantante molto amata. A causa di una malattia per moltissimi anni è stata ipovedente. Grazie alla tecnologia ha superato il suo grave problema.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Annalisa Minetti (@annalisaminettiofficial)

Annalisa Minetti si da piccola coccola la sua passione per la musica. Muove i suoi primi passi nel mondo dello spettacolo partecipando a Miss Italia dove arriva settima e conquista il titolo di Miss Azira Ragazza in gambissima. Diventa famosissimi con la vittoria nella sezione giovani del Festival di Sanremo del 1998 con la canzone ‘Senza te o con te’. Diventa così un volto amato e molto noto.

Purtroppo a causa della retinite pigmentosa e della degenerazione maculare diventa pian piano ipovedente. Nonostante la malattia non si arrende e si mette in gioco nello sport partecipando alle paralimpiadi di Londra 2012 dove conquista una medaglia di bronzo e ai mondiali del 2013 dove ottiene un oro nei 1500 metri. Un vero esempio di combattività. Ora, però, qualcosa potrebbe essere cambiato per quanto riguarda la sua malattia.

Leggi anche: Super League, maxi sanzione per i club “dissidenti”? La situazione

Annalisa Minetti: di quale malattia soffre?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Annalisa Minetti (@annalisaminettiofficial)

Annalisa Minetti ha reso nota la notizia che ci sarebbe un macchinario che potrebbe aiutarla a recuperare, seppur parzialmente la vista. L’artista non tornerà a vedere completamente ma si tratta di un ausilio molto importante.

Nello specifico si tratta di una tecnologia che le consentirà di riconoscere oggetti e persone. In particolare riuscirà a percepire ombre e sagome. Comunque un passo in avanti rispetto alla situazione attuale.

Leggi anche: Valentino Rossi, il costo del suo maxi yacht è da capogiro. Cifre clamorose

A raccontare di cosa si tratta è stata lei stessa in un’intervista: “Alcune speciali telecamerine grandi quanto un accendino, che vengono poste sulle stecche degli occhiali e funzionano usando il naso come un puntale. In pratica, seguendo la direzione del tuo naso, le telecamere capiscono quello che stai guardando e te lo descrivono all’orecchio tramite un auricolare“.