Alibaba, multa stratosferica dall’antitrust cinese

Alibaba, colosso mondiale delle vendite online, ha ricevuto una multa dall’antitrust cinese per abuso di posizione dominante. Ora il colosso quotato nella borsa di New York e di Hong Kong dovrà sborsare l’equivalente di quasi 3 miliardi di dollari.

Alibaba, multa stratosferica dall'antitrust cinese
Alibaba, multa stratosferica dall’antitrust cinese (foto: pixabay)

Multa da 3 miliardi di dollari contro Alibaba, che gestisce il più grande e-commerce mondiale. A comminare la multa è stata l’antitrust cinese sanzionando così l’abuso di posizione dominante portato avanti da Alibaba nel corso di diversi anni.

Leggi anche: Quando Alessandra Amoroso vinse 200 mila euro: “Mamma, ora ti prometto…”

Alibaba, il colosso che non molla nonostante la multa

Alibaba, multa stratosferica dall'antitrust cinese
Alibaba, multa stratosferica dall’antitrust cinese 2 (foto: pixabay)

Quello che l’antitrust cinese ha chiesto ad Alibaba, oltre alla sanzione, è una rettifica approfondita delle politiche interne per proteggere meglio i dati personali dei consumatori che ogni giorno si rivolgono al portale di e-commerce cinese e una modifica dei termini per i commercianti che intendono avvalersi della piattaforma per le vendite. Coinvolta nella procedura c’è anche Ant Group che fa capo sempre ad Alibaba.

Quella comminata ad Alibaba è forse la multa più alta mai registrata da un antitrust a livello globale: equivale a quasi 3 miliardi di dollari. Per l’esattezza si parla di una cifra di 18 miliardi di Yuan che sono pari a 2,75 miliardi di dollari. Facendo un confronto con il guadagno della società si tratta di circa il 4% di quanto fatturato nel 2019.

E infatti il CEO di Alibaba non sembra per nulla sconvolto dalla decisione nè dalla cifra richiesta. Il titolo Alibaba continua a volare nella borsa di Hong Kong superando l’8% di rialzo. Daniel Zhang ha anche rassicurato gli analisti affermando, in una conference call, che non ci saranno impatti negativi sull’attività di Alibaba dopo la multa.

Leggi anche: Fedez, mega incasso con la figlia Vittoria: le cifre super

Il cuore della faccenda che ha portato alla sanzione è una pratica che Alibaba porta avanti dal 2015. La piattaforma di e-commerce cinese, infatti, costringe quanti decidono di utilizzare i suoi servizi per vendere i propri prodotti a non vendere su altre piattaforme. Secondo l’antitrust cinese, quindi, questo comportamento ha limitato la concorrenza nel mercato e ha portato Alibaba a sfruttare in maniera indebita una posizione dominante.