Android, trovato pericoloso malware in un App Store alternativo

I ricercatori di Kaspersky Lab hanno riscontrato un pericoloso malware in APKPure, uno Store alternativo a Google Play Store per app da installare su Android.

Android, trovato pericoloso malware in un App Store alternativo
Android, trovato pericoloso malware in un App Store alternativo (foto: pixavay)

Probabilmente a seguito di un errore involontario, un malware è stato introdotto nel codice di APKPure, uno Store da cui è possibile installare app Android che non sono disponibili sul Google Play Store ufficiale.

Leggi anche: Bambini in carcere, l’appello di Cittadinanzattiva: non possono pagare errori delle madri, case famiglia come alternativa

Android e il pericolo degli Store non ufficiali

Android, trovato pericoloso malware in un App Store alternativo
Android, trovato pericoloso malware in un App Store alternativo (foto: pixabay)

APKPure è un luogo che molti utenti Android conoscono. Su questo Store, infatti, è possibile trovare app che non sono presenti, per svariati motivi, sul Google Play Store ufficiale o è possibile scaricare versioni meno recenti delle app. Probabilmente, però, durante uno degli ultimi aggiornamenti, gli sviluppatori hanno inavvertitamente inserito nel codice dello Store un malware.

Ad accorgersene sono stati i ricercatori di Kaspersky Lab che hanno prontamente informato gli sviluppatori di APKPure. Se siete soliti scaricare app da APKPure, dunque, assicuratevi di stare utilizzando l’applicazione rivista che è la versione 3.17.19.

Leggi anche: Cultura Crea, contributi a fondo perduto per le imprese del Mezzogiorno

L’episodio di APKPure e del malware pericolosissimo che si era introdotto nell’app rende ancora più evidente come, per stare quanto più possibile al sicuro da attacchi portati attraverso virus informatici, occorre affidarsi soltanto agli Store ufficiali. In particolare nel caso del malware trovato dentro l’app APKPure si trattava di un virus decisamente fastidioso perché in grado di installare altre App, contenenti a loro volta altro codice malevolo, mostrare pubblicità quando il telefono era sbloccato, aprire ripetutamente pagine del browser contenenti annunci pubblicitari.

Nei casi più gravi, quindi quelli in cui il sistema operativo Android non era aggiornato all’ultima versione, il pericolo era addirittura di installare un Trojan non removibile.