Cultura Crea, contributi a fondo perduto per le imprese del Mezzogiorno

In arrivo contributi a fondo perduto e finanziamenti per le imprese del Mezzogiorno del settore culturale e turistico: requisiti e domande.

supporto
(pixabay)

Anche il settore culturale trova il proprio spazio nella tornata di ristori pianificati dal governo. In particolare, i settori interessati sono quelli della valorizzazione culturale e turistica che hanno incontrato difficoltà nell’ultimo anno di pandemia.

I bandi Cultura Crea Plus e 2.0 e Cultura Crea 2.0 sono riferiti alle imprese situate nelle “regioni in ritardo di sviluppo”, ovvero la Campania, Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia.

Queste regioni possiedono un patrimonio culturale ed artistico enorme, che spesso non è stato messo sufficientemente in rilievo.

I bandi Pon per Cultura Crea sono destinati alle imprese ed enti no profit appartenenti alle regioni suddette che si occupino di valorizzazione culturale e turistica; i due bandi sono distinti.

Cultura Crea Plus è una forma di ristoro per aziende ed enti che hanno subito una perdita di fatturato causato dalla pandemia, mentre Cultura Crea 2.0 è un incentivo per le aziende del Mezzogiorno disposto tramite elargizioni a fondo perduto e finanziamenti.

Leggi anche: Sostegno COVID ai giornalisti con P.IVA: ecco quando fare le richieste

Cultura Crea Plus e Cultura Crea 2.0

imprese
(pixabay)

Cultura Crea plus: è destinato alle aziende ed enti no profit che hanno subito un calo di fatturato dovuto all’emergenza Covid. Sono stati stanziati per questo bando 30 milioni di euro a fondo perduto, con un massimo di 25.000 euro ad impresa.

I requisiti principali per accedere al bando sono: essere attivi al 1° gennaio 2020; avere unità locale in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria o Sicilia; dimostrare un impatto negativo sul fatturato dovuto all’emergenza Covid. Il bando si apre alle ore 12 del 19 aprile 2021.

Cultura Crea 2.0: è destinato alle imprese ed enti no profit. Funziona come agevolazione agli investimenti delle aziende.

La forma sono i contributi a fondo perduto ed i finanziamenti agevolati a tasso zero (con importo non superiore all’80% ed al 90% per le imprese femminili e giovanili). Il Bando apre dalle ore 12 del 26 aprile 2021.

Leggi anche: Reddito di Emergenza, quando e come si potrà fare domanda

Per entrambi i bandi l’assegnazione è prevista secondo procedimento valutativo a sportello, ovvero le domande verranno valutate in ordine cronologico, fino ad esaurimento fondi. I primi che inoltreranno la domanda avranno più probabilità di beneficiare dei fondi.