Sim clonata: hacker svuotano il conto corrente di una donna

Sim clonata: hacker in azione in Friuli. Una donna di 63 anni vittima di una truffa online. I malviventi le svuotano in conto corrente

Truffa sim
Sim smartphone (Pixabay)

Malviventi in azione anche e soprattutto in periodo di Covid, con tante vittime nel mirino. Queste, spesso, sono persone anziane e sole, in isolamento per la pandemia in corso. Le forze dell’ordine proprio in questo periodo si raccomandano in particolar modo di prestare molta attenzione alle operazioni che si fanno soprattutto in merito ai pagamenti ed ai conti correnti.

Perché se da una parte sta spopolando la truffa del messaggio phishing, che arriva sugli smartphone invitando a cliccare dei link ed introdurre dei codici personali, tanti altri raggiri si stanno verificando in questi mesi. Con tanti utenti che purtroppo cadono nella rete dei malviventi rimettendoci anche in alcuni casi i risparmi di una vita.

Bonus auto, ecco come ottenere uno sconto fino al 40% 

L’ultimo episodio in ordine di tempo è accaduto in Friuli, con una truffa ai danni di una donna che si è vista svuotare in suo conto corrente con lo stratagemma della clonazione della Sim.

Sim clonata: una donna ha perso i suoi risparmi

Truffa Sim
Sim smartphone (Pixabay)

La truffa della Sim clonata è stata condotta da un uomo di 42 anni, pregiudicato che è stato individuato dalla forze dell’ordine e denunciato per truffa informatica dai militari della Stazione di Fagagna. Una donna di 63 anni residente nel Friuli Collinare si è vista svuotare il suo conto corrente di 6.100 euro, ed ha allertato le forze dell’ordine.

Che sono risaliti al malvivente che aveva prima clonato la Sim per poi procedere ai prelievi dalla carta tramite il sistema di home banking. L’uomo è stato scoperto e denunciato in stato di libertà. Questo è solo l’ultimo dei casi che si sono verificati negli ultimi mesi. Truffatori in azione in tutta Italia.

Leggi anche: Eni annuncia 500 assunzioni nel 2021: come candidarsi

Nei giorni scorsi alcuni giovani si sono fatti notare per la “truffa dello specchietto”. Aggirandosi per alcune aree della Liguria, hanno tentato di applicare il loro stratagemma che in alcuni casi è andato anche a buon fine. Tante le segnalazioni sui social, con le forze dell’ordine sulle tracce della coppia.