Svegliati amore mio, ci sarà la seconda stagione? Cosa filtra 

Svegliati amore mio, ci sarà spazio anche per una seconda stagione della fiction di Canale 5 che ha conquistato tutti? 

Foto (Screenshot Mediaset Play)

Ci sarà una seconda stagione di ‘Svegliati Amore mio‘, appuntamento in onda su Canale 5? E’ questa la domanda che rimbalza in maniera frenetica nella mente di tutti gli appassionati della fiction che ha conquistato l’Italia. Questa racconta la storia di Nanà Santoro, una donna interpretata da Sabrina Ferilli che vive l’incubo della malattia della figlia causata dai gas nocivi emessi da quella che viene definita la fabbrica degli orrori.

La storia si basa su fatti realmente accaduti e l’impianto corrisponde all’Ilva di Taranto che ha fatto piangere e discutere in questi anni. Realizzata da Simona Izzo e Ricky Tognazzi, la serie tv mostra come Nanà riesca subito ad associare l’aumento delle malattie in relazione alla presenza dell’acciaieria Ghisal. Malgrado le resistenze del marito che da anni lavora all’interno della fabbrica, la donna lotta per ottenere la verità e ci riuscirà facendosi strada tra bugie, scottanti verità e retroscena terrificanti.

Leggi anche: Leonardo da Vinci, quanto vale l’Ultima cena, dove si trova e a chi è ispirato

Svegliati amore mio, ci sarà spazio a una seconda stagione? 

Foto (Screenshot Mediaset Play)

Per quanto riguarda una seconda eventuale stagione, non dovrebbe esserci. Non solo non è mai stata in programma, ma non lo è nemmeno adesso malgrado l’enorme successo riscosso. Poi è chiaro: le carte in tavola possono sempre cambiare e i creatori potrebbero decidere di cavalcare l’onda dell’entusiasmo e del consenso per continuare la storia, ma difficilmente questo accadrà.

Anche perché, come detto, si basa su fatti realmente accaduti e non ci sarebbe spazio per un seguito se non andando a quel punto di fantasia. La tragedia della famiglia è stata raccontata e il messaggio legato all’ambiente e all’inquinamento anche è stato mandato forte e chiaro. Dunque, tranne colpi di scena, non dovrebbe esservi un seguito.