Diritti tv, Sky non trasmetterà la Serie A. Cosa accadrà ora?

Nelle ultime settimane i media nazionali si sono concentrati sulla delicata questione dei diritti tv. Sky non avrà l’esclusiva almeno fino al 2024 per quanto concerne la Serie A. Cosa accadrà ora?

Costo Sky
Stadio pieno (Foto Pixabay)

Sky ha investito per anni diversi miliardi di euro per garantirsi i diritti tv per trasmettere la Serie A. Per il triennio 2021-2024 la situazione, però, è drasticamente cambiata visto che sarà DAZN ad avere il pacchetto principale delle partite, 7 in esclusiva e 3 in co-esclusiva. Un danno non indifferente per l’azienda di Rupert Murdoch che ha già annunciato un taglio del costo degli abbonamenti.

Dal 2003, anno in cui è nata ufficialmente Sky Italia, l’azienda ha investito poco meno di 10 miliardi di euro per acquisire i diritti tv del massimo campionato di calcio nazionale. Eppure nel corso deli anni hanno provato a contrastare il monopolio di Sky diverse aziende come ContoTv, Dahlia fino a Mediaset Premium senza grande successo. Tutti questi progetti, infatti, sono naufragati nel giro di pochi anni.

Leggi anche: Cristina D’Avena, ecco i guadagni e cosa fa oggi la regina dei cartoni animati

Diritti tv: cosa cambierà

Costi Sky
Telecamera a bordocampo (Foto Pixabay)

Il costo della Serie A per Sky è cresciuto dai 320 milioni della stagione 2003/04, fino  ai 780 milioni annui per triennio che si concluderà con la fine di questo campionato. Ad interrompere questa lunghissima egemonia è arrivata DAZN che per le prossime tre stagioni ha offerto ben 870 milioni di euro.

Questo potrebbe avere una forte ripercussione sul numero degli abbonamenti. E’ lapalissiano dirlo ma la Serie A è il principale evento di richiamo per quanto concerne la pay-tv. Venendo a mancare questa potrebbe esserci un progressivo allontanamento degli utenti verso altri network.

Leggi anche: DayDreamer, quanto guadagna Can Yaman? Ecco le cifre

L’amministratore delegato di Sky Maximo Ibarra ha anticipato che: “Se la Serie A non ci fosse, ovviamente, ne scaleremo il costo dall’abbonamento ai clienti in modo del tutto trasparente e proattivo“. Ricordiamo che Sky è ancora in corsa per acquisire i diritti tv delle tre partite di Serie A in co-esclusiva.