Spese mediche, massima attenzione: la detrazione avviene solo in un caso

Spese mediche, massima attenzione alle direttive dell’Agenzia delle Entrate: solo in un modo è possibile usufruire della detraibilità

Spese mediche
Visita medica (Foto Pixabay)

Non mancano le novità per il 2021 in merito alla campagna dichiarativa, soprattutto per quelle che sono le spese sanitarie e la detrazione prevista del 19% ai fini IRPEF. Solo in un caso si può arrivare all’ottenimento della detraibilità per le prestazioni sostenute. Questa possibilità è prevista dalla legge di Bilancio 2020 (160 del 27 dicembre 2019), applicata anche per l’annualità 2021.

Andando nello specifico si parla di detrazione del 19% ai fini IRPEF solo in caso di pagamenti tracciabili e non in contanti. Fattispecie che ha creato non poche polemiche soprattutto per le persone anziane che hanno spesso delle difficoltà ad eseguire operazioni con strumenti che escludono l’utilizzo dei contanti.

Leggi anche: Che lavoro fa Tommaso Zorzi? Stipendio, guadagni e patrimonio

Dopo il pagamento si dovranno consegnare al commercialista o ad un CAF la fattura o la ricevuta che ne attesti il pagamento. Ovviamente ci sono delle eccezioni che derogano quest’obbligo. Scopriamo di quali si tratta e quali i casi previsti per l’utilizzo del contante.

Spese mediche: le eccezioni previste al pagamento tracciabile

Spese mediche
Attrezzature mediche e farmaci (Foto Pixabay)

Per spese mediche si intendono visite specialistiche, esami ed altre tipologie di prestazioni sanitarie a pagamento. Per poter detrarre il 19% ai fini IRPEF si dovranno effettuare questi pagamenti con strumenti tracciabili. Ma quali le eccezioni previste? In primo luogo parliamo di acquisto di medicinali, ma anche di dispositivi medici o prestazioni presso strutture pubbliche e private che siano accreditate al Servizio Nazionale Sanitario.

Nello specifico per poter beneficiare della detrazione si dovranno effettuare i pagamenti con carte di credito assegni o bancomat. Ma cosa accade se la prestazione viene effettuata con una carta di un familiare o da un coniuge? In questi casi l’Agenzia delle Entrate è apparsa abbastanza permissiva, concedendo la detrazione a patto che la persona sia intestataria della prestazione in oggetto (per esempio una visita specialistica).

Leggi anche: Dichiarazione dei redditi, ecco chi è esonerato dal farla

Quindi, pur non parlando di intestatario dello strumento di pagamento, in questi casi la prestazione viene riconosciuta in merito alla detrazione del 19% ai fini IRPEF.