Sicurezza Informatica, Wannacry torna a colpire migliaia di utenti

Wannacry ha messo in crisi la sicurezza informatica di centinaia di migliaia di utenti nel 2017. Questo malware è particolarmente molesto e ora torna a preoccupare gli utenti.

Sicurezza Informatica, Wannacry torna a colpire migliaia di utenti
Sicurezza Informatica, Wannacry torna a colpire migliaia di utenti (foto: pixabay)

La società di sicurezza Check Point ha diffuso i nuovi dati relativi agli attacchi alla sicurezza informatica registrando un picco di 13mila infezioni nelle ultime settimane, la maggior parte attribuibili al pericolosissimo Wannacry.

Leggi anche: Recovery Plan, c’è un nuovo bonus per le auto elettriche

Sicurezza Informatica, Wannacry e l’importanza di fare gli aggiornamenti

Sicurezza Informatica, Wannacry torna a colpire migliaia di utenti
Sicurezza Informatica, Wannacry torna a colpire migliaia di utenti (foto: pixabay)

Nel 2017 il malware Wannacry, che blocca tutti i dati presenti sul computer chiedendo un riscatto, ha imperversato in migliaia di computer sfruttando delle vulnerabilità. Adesso il ransomware, da “ransom – riscatto” in inglese, torna e sfrutta il servizio Server Message Block di Windows.

Ma cosa fa esattamente Wannacry? Quando questo ransomware si insinua nel computer, computer che ha sistema operativo Windows ed è collegato alla Rete, blocca e rendere inaccessibile il computer. Non si può spegnere, non si può riavviare, non si può fare nulla. Quella che appare è una schermata in cui viene richiesta una cifra, da pagare a conti correnti indicati nello stesso messaggio, per poter avere il computer sbloccato.

Si tratta, come è facile intuire, di una minaccia reale e che nel 2017 ha mietuto diverse vittime infettando oltre 200.000 computer. Nonostante la diffusione, però, vale anche la pena dire che gli hacker, di cui al momento ancora non si conosce la nazionalità nè l’identità, hanno guadagnato relativamente poco nel 2017. Speriamo che con questa recrudescenza non rimpinguano i conti in banca.

Secondo il report di Check Point, società che si occupa appunto di sicurezza dei sistemi informatici, nell’ultimo anno c’è stato un aumento vertiginoso nel numero di aziende che sono state vittima di attacchi ransomware e c’è stata una recrudescenza proprio del pericoloso Wannacry: si parla di un aumento del 53% del numero di organizzazioni infettate.

Leggi anche: Recovery Plan, approvato il progetto per la transizione ecologica

Quando fu scoperto nel 2017, il virus fu bloccato quasi per caso ma adesso sembra tornato in una versione leggermente diversa ma altrettanto pericolosa. Quello che si può fare per difendersi da questo tipo di attacchi alla sicurezza informatica del proprio computer è quella di mantenere il sistema operativo e tutti gli applicativi sempre aggiornati all’ultima versione.