Commercialisti, modifica del codice deontologico: cambiano regole per utilizzo social

Un annuncio pubblicato il 30 marzo 2021, rende nota la modifica all’articolo 39 del codice deontologico dei commercialisti.

(Pixabay)

Dal 1 aprile 2021 bisognerà comportarsi adeguatamente anche sui social.

Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili (CNDCEC) modificherà  l’art. 39 del Codice deontologico dei commercialisti.

Si richiede, attraverso questa modifica, che gli iscritti alla professione mantengano un comportamento adeguato anche sui social network

La regola modificata è quella riguardante i “Rapporti con i mezzi di informazione e di comunicazione sociale” e prevede maggiore attenzione e vigilanza sull’utilizzo dei social network da parte dei commercialisti.

con rispetto e considerazione preservando l’immagine e il decoro della professione, assicurando l’osservanza dei doveri di integrità e comportamento professionale nonché il rispetto dei colleghi e degli organi istituzionali di categoria.”

La nuova norma fa esplicito richiamo ai doveri di di integrità e verità già richiesti dal codice deontologico dei commercialisti(art. 6).

Inoltre per quanto riguarda rispetto della categoria ci si riferisce al già presente (art. 11) e (art.29)

Leggi anche: Deliveroo, esordio da incubo in borsa. Crolla il prezzo delle azioni

Commercialisti, nuovo articolo 39 del codice deontologico

(Pixabay)

Il vice presidente della categoria, Giorgio Luchetta ha affermato che

L’uso massivo dei social media e il suo abuso hanno reso inevitabile una riflessione del Consiglio sull’opportunità di accrescere negli iscritti la consapevolezza del loro ruolo sociale anche in tale specifico contesto.”

Leggi anche: Amazon, Orlando apre alla trattativa: “Convocherò azienda e sindacati

Come è ovvio, prosegue Luchetta, questa nuova norma non può e non vuole limitare l’esercizio dei diritti fondamentali come la libertà di pensiero e d’espressione, l’obbiettivo di questa modifica è quello di garantire un clima di vicendevole rispetto, lealtà e considerazione  in cui tali libertà possano essere pienamente esercitate.