Come non pagare il canone Rai: esenzioni e scadenze

Migliaia di cittadini, per i motivi più disparati, si chiedono se e come sia possibile non pagare il Canone Rai: scopritelo con noi.

Canone Rai
Pixabay

Partiamo dal presupposto che il canone Rai è un’imposta sulla detenzione di apparecchi grazie ai quali è possibile la ricezione del segnale televisivo. A prescindere dal fatto che sia garantita la copertura del segnale stesso. Da alcuni anni il pagamento può avvenire anche in diverse soluzioni in abbinamento alla bolletta dell’energia elettrica. In buona sostanza è una tassa di possesso per quanto concerne le apparecchiature attraverso le quali è possibile usufruire del servizio pubblico.

Il Governo Draghi ha già annunciato che ci sarà uno sconto per questo 2021 del 30% per per le strutture ricettive nonché di somministrazione e consumo di bevande in locali pubblici o aperti al pubblico. Andiamo ora a scoprire se e come è possibile non pagare il canone Rai, ovviamente rispettando la normativa vigente.

Leggi anche: Netflix, cancellate a sorpresa 5 Serie Tv: l’elenco

Come non pagare il canone Rai

Canone Rai
Pixabay

Ci sono una serie di circostanze e situazioni nelle quali è possibile non pagare il canone Rai. Sono esentati dal pagamento i cittadini di età superiore ad anni 75 il cui reddito annuo non superi euro 6.713,98. Chi ha una seconda casa, ma lo paga solo per la prima abitazione, è esentato, evitando così l’esborso due volte. Identico discorso per chi nella propria abitazione ha più televisore: il canone dovrà essere corrisposto una sola volta.

Nel caso in cui non si posseggano televisori o apparecchi per intercettare il segnale si è esentati dal pagamento. Se, invece, l’intestatario della bolletta è diverso dal proprietario dell’immobile, quest’ultimo può richiedere di essere esentato dalla corresponsione del canone.

Leggi anche: Leonardo Da Vinci, budget milionario per la serie tv di Rai1. Tutte le curiosità

Lapalissiano dirlo ma in linea generale, come è giusto che sia, il canone Rai deve essere pagato. Laddove, però, la vostra situazione combaciasse con una di quelle soprelencate basterà presentare la richiesta di esenzione per risparmiare quanto alternativamente sarebbe inserito sulla bolletta dell’energia elettrica.