Leonardo da Vinci, quanto vale la statua del Cavallo di Milano e cosa rappresenta

Leonardo da Vinci ha realizzato un monumento equestre in onore di Francesco Sforza Duca di Milano. Ma sapete quanto vale la statua del Cavallo?

Foto (Screenshot da youtube)

L’opera fu commissionata nel 1482 a Leonardo da Vinci dal Duca di Milano Ludovico il Moro in onore del padre Francesco Sforza. La richiesta era quella di realizzare la più grande statua equestre del mondo. A testimonianza di ciò è stato ritrovato il documento del pagamento per le spese per un modello a conto del Duca dal sovrintendente all’erario di corte, Marchesino Stanga.

Un progetto faraonico al quale Leonardo lavorò con grande dedizione. Per lui era l’ennesima occasione per dimostrare al mondo il suo genio. Sono stati ritrovati anche molti bozzetti del progetto che spiegano passo dopo passo le fasi di lavorazione dell’opera. Quest’ultima è stata scelta anche come parte integrante delle vicende narrate nella fiction di successo che in queste settimane sta appassionando milioni di italiani trasmessa su Rai1.

Leggi anche: Leonardo Da Vinci, budget milionario per la serie tv di Rai1. Tutte le curiosità

Quanto vale la statua del Cavallo di Leonardo?

Foto (Screenshot da youtube)

Come tutte le opere di Leonardo da Vinci è difficile fare una stima del valore della statua equestre di Milano. C’è però chi ha cercato di completare la più grande incompiuta della storia del genio toscano. Si trattava di Charles Dent che nel 1977 lesse un articolo del National Geographic Magazine su uno dei più grandi progetti di Leonardo da Vinci, un cavallo in bronzo alto più di 7 metri, il più grande del mondo.

Dent avviò una raccolta fondi che dopo 15 anni di lavoro raggiunse i 2,5 milioni di dollari. Cercò in diversi musei gli schizzi di Leonardo e creò un comitato scientifico di esperti leonardeschi al fine di completare l’opera. Purtroppo Dent morì prima di vedere realizzato il suo sogno.

Leggi anche: Netflix, cancellate a sorpresa 5 Serie Tv: l’elenco

Fortunatamente il completamente dell’opera continuò, grazie anche all’intervento economico di Frederik Meijer, proprietario di una grande catena di supermercati del Michigan. In tutto furono spesi oltre 6 milioni di euro. Quando, però, il cavallo di Leonardo fu consegnato alla città di Milano il sindaco Albertini decise di posizionarlo nel cortile di un ippodromo, scelta questa molto discutibile.