Canale di Suez, la nave Ever Given si è finalmente messa in movimento

La nave porta container Ever Given ha ostruito e bloccato una parte del commercio marittimo internazionale: è incagliata diagonalmente nel canale di Suez da martedì 23 marzo. Sono stati 10 i rimorchiatori utilizzati per aspirare la sabbia da sotto la nave durante le operazioni. 

pixabay

Lunghezza pari a 399,44 metri ed un peso di 221 mila tonnellate.

Si tratta della nave portacontainer Ever Given, che da martedì 23 marzo è incagliata nel Canale di Suez diagonalmente: una delle navi più grandi al mondo ha ostruito uno degli snodi commerciali europei più rilevanti, causando non pochi danni economici e difficoltà logistiche. 

Leggi anche: Seaspiracy, il documentario inchiesta  sull’oceano prodotto da Netflix

Lo status attuale della nave secondo i siti web di osservazione del traffico marittimo: “under way”

Arrivano segnali di speranza: la prua è 4 metri più lontana dalla sponda, come evidenziano i siti web di osservazione del traffico marittimo Vesselfinder e Myshiptracking. Adesso la status della nave è segnalato secondo la seguente dicitura: “under way” ovvero in movimento. 

“Le manovre di traino per rimettere a galla la nave portacontainer Ever Given sono iniziate con l’ausilio di 10 rimorchiatori giganti”. Questo è quanto dichiara il presidente Osama Rabie dell’Autorità del Canale di Suez (Sca) affermando inoltre che la nave è stata parzialmente liberata. L’attenzione mediatica rivolta al caso è chiara: sbloccare il canale infatti significa dare la possibilità a 396 nave in coda di poter approdare in riva o di partire. 

Leggi anche: Richiamo alimentare, filetti di acciughe con vetro ritirati dal commercio

Il Canale di Suez si estenda in larghezza per 300 metri ed in lunghezza per 190 km. Rappresenta la gestione del 10 % circa del commercio marittimo internazionale. La posizione in diagonale della Ever Given ha causato un blocco di merci significativo tra il Mar Rosso e il Mar Mediterraneo. 

In base a quanto dichiara la compagnia di servizi marittimi Inchcape, sembra che la nave sia stata “rimessa a galla” ma la situazione, è il caso di dirlo, non è ancora totalmente sbloccata.