Cibi da evitare: questi aumentano il rischio di demenza senile

Cibi a cui bisogna fare attenzione: uno studio ha riscontrato come certi alimenti potrebbero aumentare il rischio di patologie neurodegenerative

Pixabay

Secondo l’Università di Leeds, il consumo giornaliero di carni lavorate aumenta del 44% il rischio di demenza senile. La ricerca, riportata da Dagospia, ha stabilito che un consumo medio quotidiano di 25 grammi di carni lavorate (equiparabile a due fette di bacon) comporta un considerevole incremento del rischio di perdita delle facoltà cognitive.

Lo studio ha riguardato 50mila persone nel Regno Unito e ha stabilito che i prodotti più nocivi per la salute mentale sono i prodotti lavorati come insaccati, salsicce e carni in scatola. Sempre secondo l’indagine l’assunzione quotidiana di 50 grammi di carni di suino, manzo o vitello, possano contribuire a ridurre il rischio di demenza del 19%.

Anche se finora studi precedenti avevano stabilito l’esistenza di un nesso tra la demenza senile e la carne, non era mai stato confermato la tipologia di carne maggiormente responsabile.

Leggi anche: Cibo spazzatura, nuove regole sulla pubblicità rivolta ai bambini

Cibi a cui bisogna stare attenti 

Pixabay

I ricercatori hanno studiato uno sviluppo di demenza in circa 3.000 persone, in un periodo di tempo di 8 anni. Le informazione genetiche dettagliate sono state seguite attraverso il database UK Biobank, che contiene dati personali di 493.888 adulti di età diverse, tra i 40 e i 69 anni. T

Tra queste 3000 persone che hanno subito lo sviluppo della malattia, la maggior parte erano anziani, poco educati ed economicamente instabili che, soprattutto, non conducevano una vita particolarmente salutare.

Leggi anche: Effetto Covid, cresciuto del 180% il delivery di cibo e bevande

La professoressa Janet Cade ha così commentato: “Tutto ciò che possiamo fare per esplorare i potenziali fattori di rischio per la demenza può aiutarci a diminuire il numero di persone affette da questa condizione. Questa analisi è un primo passo per capire se ciò che mangiamo possa influenzare questo rischio”.