Stampanti 3D, in grado di replicare organi e tessuti umani

All’Università di Verona ci sono due stampanti 3D in grado di riprodurre organi e tessuti umani, in consistenza e forma.

Stampante 3D
Tecnologia foto creata da kjpargeter – it.freepik.com

A partire da una TAC – tomografia assiale computerizzata – o da una RM – risonanza magnetica – dei pazienti o dal materiale biologico si potranno ricreare organi e tessuti umani con stampanti 3D.

Una tecnologia all’avanguardia sviluppata nel settore dell’ingegneria tissutale di cui si è dotato il laboratorio di chirurgia pediatrica sperimentale dell’Università di Verona. A guidarlo Luca Giacomello con sede al Lurm, il Laboratorio universitario di ricerca medica.

Un acquisto di fondamentale importanza reso possibile grazie al dipartimento di Scienze chirurgiche, odontostomatologiche e materno-infantile, dell’ateneo diretto da Giovanni De Manzoni. Egli ha subito compreso le potenzialità derivanti da una tecnologia all’avanguardia e decisamente unica nel suo genere.

Leggi anche: Covid19 e celiachia, il Rapporto del Ministero della Salute

Stampanti 3D, l’innovazione nel campo dell’ingegneria tissutale

Stampante 3D
Tecnologia foto creata da kjpargeter – it.freepik.com

Per impiegare al meglio tutto questo potenziale, è stato fondato il Prometeo NanoLab, un laboratorio congiunto tra Università e Nanomnia, startup veronese.

Leggi anche: Covid, arriva una clamorosa sentenza che smentisce l’Agenzia del Farmaco

L’obiettivo è quello di sviluppare progetti nel campo delle nanotecnologie applicate alla medicina rigenerativa e all’ingegneria tissutale, e di replicare organi e tessuti, attraverso l’uso delle stampanti 3D-bioprinting acquisite di recente.

È sempre bello e incoraggiante vedere come la medicina sia in grado di sfruttare al meglio le ultime tecnologie. Questo progetto potrebbe portare a risultati di grandissimo impatto e guarire pazienti che non avrebbero altre opzioni di cura.