Il Fisco batte cassa: questi bonus andranno restituiti

Durante il Covid sono stati messi a disposizione dei cittadini tantissimi bonus – come quelli per i titolari delle Partite Iva – che ora il Fisco potrebbe chiedere indietro.

Bonus Partite Iva
Pixabay

Con il dilagare dell’emergenza sanitaria, il governo ha destinato e continua a prevedere una serie di aiuti per sostenere le categorie di lavoratori più colpiti dalle chiusure e dalle restrizioni.

Vista la fretta di approvare questi decreti, alcuni requisiti di accesso sono stati chiariti in un secondo momento. In questo modo, anche chi non aveva diritto di accedere alle agevolazioni ne ha potuto beneficiare.

Proprio qui entra in gioco il Fisco che ha attivato una serie di controlli per scovare tutti i furbetti. È il caso, ad esempio, dei bonus Partite Iva caricati sui conti di chi in verità non ne aveva effettivamente bisogno.

Leggi anche: Partite IVA, in piazza per protestare contro le difficoltà economiche

Bonus Partite Iva, chi dovrà restituire i soldi al Fisco

Bonus Partite Iva
Pixabay

Negli scorsi mesi, a causa del boom della pandemia, sono stati versati benefici e agevolazioni anche a cittadini che non ne avevano diritto. Questo è accaduto perché nella fretta di rendere operativi i bonus non si sono effettuati controlli meticolosi.

Quanti hanno ricevuto aiuti pubblici pur non avendone realmente bisogno, quindi, dovranno restituire tutto molto presto. Successivamente al consenso dell’Unione Europea, il Fisco potrà iniziare i controlli e riscuotere le somme indebitamente ottenute.

Leggi anche: Partite Iva, in arrivo il congedo parentale con il Decreto Sostegno

Inoltre, saranno intensificati i controlli sull’evasione fiscale, come ha spiegato Ernesto Maria Ruffini, direttore generale dell’Agenzia delle Entrate: “Con tale progetto si prevede un importante potenziamento delle attività di contrasto ai fenomeni di evasione ed elusione fiscale“.

Il direttore ha fatto sapere che si procederà con l’introduzione – con una prima fase di sperimentazione – di tecniche innovative. Si parla di network analysis, di machine learning e di data visualization “al fine di realizzare un nuovo sistema di supporto ai processi di individuazione dei soggetti ad alto rischio di evasione”.