Digitale Terrestre, ecco le date da segnarsi per lo switch off

Il cambiamento del digitale terrestre, con il passaggio al nuovo standard DVB-T2, avverrà come fu la prima volta per gradi. Ecco le tappe e le date da segnarsi.

Digitale Terrestre, ecco le date da segnarsi per lo switch off
Digitale Terrestre, ecco le date da segnarsi per lo switch off (foto: pixabay)

Il 2021 segna l’anno in cui il digitale cambia, passando al nuovo standard di trasmissione DVB-T2 e quindi è lecito chiedersi quando e dove e come cambierà la ricezione del digitale terrestre. Le tappe della riorganizzazione delle frequenze ha delle date stabilite, con una chiave che sarà a settembre.

Leggi anche: Digitale terrestre, nasce HELP Interferenze: aiuterà i cittadini 

Digitale terrestre: le tappe dello switch

Digitale Terrestre, ecco le date da segnarsi per lo switch off
Digitale Terrestre, ecco le date da segnarsi per lo switch off (foto: pixabay)

La prima data da ricordare è il 1° settembre. In questo giorno, infatti, tutte le trasmissioni nazionali passeranno al nuovo standard in codifica MPEG-4. A partire sempre da questo giorno partirà anche il Piano Nazionale di Assegnazione Frequenze con la risintonizzazione dei canali e questo processo, a differenza dello step con il passaggio a MPEG-4, sarà graduale.

Seconda data da ricordare è in realtà una finestra temporale: 21-30 giugno 2022. In questi giorni, infatti, le trasmissioni di nuovo in tutto il Paese contemporaneamente passeranno allo standard di trasmissione DVB-T2.

Le risintonizzazioni avviate nel Nord Italia il 1° settembre proseguiranno con il Centro-tirrenico nei primi mesi del 2022 e il Centro-adriatico e il sud entro metà 2022.

Il passaggio al DVB-T2 avverrà in questo modo:

  • 1° settembre 2021 – 31 dicembre 2021: Area 2 e 3 (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e le province di Trento e di Bolzano)
  • 1° gennaio 2022 – 31 marzo 2022 Area 1 (Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Sardegna)
  • 1° aprile 2022 – 31 giugno 2022: Area 4 (Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise, Marche)

Leggi anche: Digitale terrestre, problemi di interferenze con la Croazia 

In questo lungo periodo di transizione, sarà opportuno eseguire periodicamente la scansione delle frequenze del decoder in quanto alcune emittenti stanno già passando alla nuova codifica in MPEG-4 e gli operatori si stanno ridividendo le frequenze per fornire un servizio migliorato agli utenti.