La riforma fiscale sta facendo discutere molto in questi giorni, sotto la lente di ingrandimento una possibile riduzione dell’Irpef.

Riforma fiscale Irpef
Pixabay

Tra gli argomenti più discussi di questi giorni c’è la riforma fiscale. Le voci principali in questo dibattito sono quelle di Confcommercio, Confartigianato, Cna e Confesercenti. Tutte le organizzazioni hanno suggerito di introdurre maggiori semplificazioni, in particolare una riduzione dell’Irpef e l’abolizione dell’Irap.

Per impostare una riforma fiscale, lasciando alle spalle l’attuale sistema ibrido e per nulla equo, sono necessari molti fondi. A tal proposito, la Corte dei Conti ha proposto una nuova patrimoniale consistente in un prelievo su tutte le forme di patrimonio, considerando il nucleo familiare e non l’individuo.

Leggi anche: Bonus Covid, senza Irpef per professionisti, autonomi e collaboratori

Riforma fiscale, riduzione dell’Irpef e abolizione dell’Irap

Riforma fiscale Irpef
Pixabay

La proposta di Confcommercio, Confartigianato, Cna e Confesercenti per evitare di intaccare il patrimonio dei cittadini consiste – come detto sopra – nella riduzione dell’Irpef e nell’abolizione dell’Irap.

Le organizzazioni hanno avanzato anche l’ipotesi di una riduzione del carico fiscale sui redditi di lavoro, eventualmente con un aumento delle imposte indirette. Così facendo, si andrebbero a contenere i consumi senza avviare una patrimoniale. Quest’ultima, secondo Confcommercio, Confartigianato, Cna e Confesercenti, ostacolerebbe una ripresa economica già difficile.

In particolare, la Cna ha richiesto una riforma fiscale con abolizione dell’Irap. Lo scopo della misura è l’equità nel prelievo.

Leggi anche: Tasse, nell’agenda Draghi possibile revisione dell’Irpef

Chi ha diritto ai 100 euro mensili dell’ex bonus Renzi

È previsto per il prossimo 23 febbraio il pagamento del bonus Irpef – ex bonus Renzi – dal valore di 100 euro. A beneficiarne, i disoccupati già titolari dell’indennità di disoccupazione Naspi.

Il bonus del valore mensile di 100 euro spetta ai lavoratori dipendenti con un reddito pari e non superiore ai 28 mila euro e ai lavoratori dipendenti e assimilati incapienti con reddito inferiore a 8.145 euro, con l’erogazione diretta da parte del datore di lavoro.

Continua a leggere: Bonus Irpef, a chi spettano i 100 euro mensili dell’ex bonus Renzi