Enel ha messo in guardia gli utenti su una truffa che circola via email da qualche tempo. Sono in corso tutti gli accertamenti del caso.

Dopo alcune nuove segnalazioni in merito a email dal contenuto fraudolento, inviate da un contatto soltanto apparentemente riferito a una società del Gruppo Enel, l’azienda torna a mettere in guardia gli utenti.

Enel ha precisato che tutte le azioni necessarie per la tutela dei clienti e delle società del Gruppo sono già state avviate. Questa volta al centro della nuova truffa c’è un’email dal contenuto ingannevole che sfrutta la notorietà del marchio Enel.

L’email a cui occorre prestare attenzione riporta come oggetto “Enel Energia – >Emissione Bolletta PEC“.

Leggi anche: WhatsApp: sulla truffa dei codici intervengono Polizia Postale e Codacons

Truffa Enel, la comunicazione della società

Truffa Enel
Pixabay

Con una nota, Enel ha fatto sapere che: “Le procedure aziendali non prevedono in alcun caso la richiesta di fornire o verificare dati bancari e/o codici personali. Enel Energia invita chiunque riceva una e-mail o sms sospetti a non aprire o cliccare sui link presenti all’interno dei testi, a non scaricare e aprire allegati e a verificare l’autenticità della richiesta attraverso i consueti canali di contatto: numero verde 800.900.860 e sito www.enel.it. Enel Energia ringrazia in anticipo coloro che avranno la cortesia di segnalare all’azienda comunicazioni sospette ricevute, in modo da arginare e prevenire il fenomeno delle truffe sulla rete”.

Leggi anche: Truffa Rc auto: attenti al finto incidente con complici

Man in the mail, la nuova truffa scoperta da Striscia la Notizia

Il celebre telegiornale satirico di Antonio Ricci, Striscia la notizia, è da sempre in prima linea nel mettere in guardia i propri telespettatori sui possibili raggiri. Anche nel corso della puntata di martedì 26 gennaio 2021, ha diffuso molte informazioni su una nuova truffa online che ha già coinvolto un gran numero di persone.

Continua a leggere: Striscia la Notizia scopre una nuova truffa, si chiama “man in the mail”