Attraverso un vademecum, Abi-Consumatori ha diffuso alcune informazioni e accortezze per non cadere in una possibile truffa fuori o dentro le mura di una filiale di banca.

Una truffa o un raggiro fuori dalla banca, nel momento in cui si sta prelevando una somma di denaro allo sportello oppure quando ci si reca in filiale per effettuare delle operazioni, sono un rischio molto diffuso.

Altre estorsioni a cui prestare attenzione sono quelle telefoniche. Così, il Centro di ricerca dell’Abi sulla sicurezza anticrimine, in collaborazione con le banche e le Associazioni dei consumatori che lavorano con Abi (Associazione bancaria italiana) al Progetto Trasparenza Semplice, lancia una nuova infografica realizzata con Ossif.

Lo scopo di questo vademecum è quello di permettere ai cittadini di andare in banca in tutta sicurezza. Sia che ci si rechi in filiale per effettuare pagamenti con carte sia per prelevare contanti allo sportello automatico (Atm), grazie a poche e semplici accortezze si può evitare di cadere in una truffa.

Una parte dell’infografica è dedicata anche ai raggiri telefonici, sempre più diffusi e pericolosi.

Leggi anche: Truffa on line, Polizia Postale segnala nuova ondata di phishing

Truffa in banca, un’infografica per andare in filiale in tutta sicurezza

Truffa
Pixabay

L’infografica è disponibile online sul sito dell’Abi www.abi.it, nella sezione dedicata alle iniziative info-educative nell’ambito del progetto Trasparenza semplice. Per fare in modo che il vademecum sia visto dal più alto numero di persone possibile, l’infografica – destinata alla clientela – è messa a disposizione delle banche e delle Associazioni dei consumatori che hanno preso parte all’iniziativa.

Leggi anche: Truffa banche, spunta un nuovo tentativo per svuotare il conto

Tra le associazioni che hanno collaborato si citano ACU, Adiconsum, Adoc, Altroconsumo, Asso-Consum, Assoutenti, Casa del Consumatore, Centro Tutela Consumatori Utenti, Cittadinanzattiva, Codacons, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, U.Di.Con, UNC.