Entro la fine di quest’anno avverrà il passaggio alla seconda generazione di digitale terrestre. Con un semplice test è possibile verificare la compatibilità della propria televisione.

Per capire se il proprio dispositivo è compatibile con il nuovo digitale terrestre è necessario effettuare alcune rapide verifiche, seguendo le indicazioni pubblicate dalle stesso Mise – Ministero dello Sviluppo Economico – sul suo sito ufficiale.

Leggi anche: Digitale terrestre, cambiano i numeri di alcuni canali: le novità

Digitale terrestre, come verificare se la propria televisione è compatibile

Digitale terrestre
Pixabay

Se il dispositivo è stato acquistato dopo il 1° gennaio 2017 è sicuramente compatibile con la nuova generazione di digitale terrestre. Questo perché dal 2017 i negozianti sono obbligati a vendere esclusivamente tv che supportano il nuovo standard DVB-T2.

Tuttavia, è possibile effettuare altre verifiche per essere sicuri di non dover sostituire il proprio televisore. Questo vale almeno per il primo passaggio tecnologico che avverrà in alcune Regioni d’Italia a partire da settembre 2021.

Si può testare la compatibilità del mezzo di trasmissione provando a vedere i canali HD, come ad esempio 501 per RAIUNO HD, 505 per Canale 5 HD e 507 per LA7 HD.

Leggi anche: Digitale terrestre, non basta la compatibilità DVB-T2

Se si riesce a vedere almeno uno dei canali HD, il dispositivo può supportare il primo passaggio tecnologico. Se, invece, nessuno dei canali HD è visibile, si dovrà sostituire il televisore – o il decoder – già per il primo passaggio tecnologico previsto per il 1° settembre 2021.

Infine, un altro modo per verificare che la TV sia compatibile è con il segnale HEVC Main10, provando a vedere i canali di test 100 e 200. Se per vedere RAIUNO ci si sintonizza sul canale 1 allora occorre controllare che sul canale 100 appaia la scritta “Test HEVC Main10”. Lo stesso discorso vale per Canale 5. Se lo si visualizza sul canale 5, bisogna verificare che sul canale 200 appaia la scritta “Test HEVC Main10”.