Pixabay

Tasse, nove milioni di cartelle esattoriali in arrivo dopo la fine delle sospensioni che erano state introdotte dal governo con il decreto Ristori Quater.

A partire dal 1 gennaio del 2021, partiranno ufficialmente le notifiche delle cartelle esattoriali verso tutti i contribuenti che risultano morosi nei confronti dello Stato, inviate dall’Agenzia delle Entrate.

La maggior parte di queste scadenze erano state sospese l’anno scorso dal governo per aiutare la popolazione a fronteggiare al meglio le conseguenze economiche della crisi scatenata dalla pandemia di coronavirus. Adesso però la proroga stabilita nei precedenti decreti è scaduta, e molti cittadini si ritroveranno a dover saldare i propri conti in sospeso con lo stato. 

Leggi anche: Tasse, stangata per i contribuenti: arriva la Super Imu

Tasse, Cartelle esattoriali:  le sospensioni che erano state introdotte con il Decreto Ristori Quater

Pixabay

Le ultime proroghe, erano state varate dal governo guidato dal premier Conte con il Decreto Ristori Quater, che aveva disposto la sospensione delle seguenti cartelle:

  • Pagamenti concernenti tutte le entrate tributarie e non che derivano da cartelle di pagamento, avviso di addebito o accertamento che risultano in carico all’Agente della Riscossione  con cadenza dall’8 Marzo al 31 Dicembre 2020. Queste dovranno essere saldate alla scadenza del mese successivo alla sospensione, e dunque entro il 31 Gennaio 2021

Leggi anche: Tasse, aumenti a partire da Gennaio 2021: le scadenze

  • Attività di notifica riguardante nuove cartelle esattoriali e atti di riscossioni, e anche gli obblighi che derivano da pignoramenti presso terzi che sono stati effettuati, in una data antecedente all’entrata in vigore del decreto Rilancio, su stipendi salari e attività professionali riguardanti rapporto di lavoro i di impiego. 
  • Differimento alla data del 1 Marzo del 2021 del termine ultimo per i pagamenti delle rate dell’anno 2020 della definizione agevolata prevista dal decreto Rottamazione Ter. A queste inoltre, non risulta applicabile il periodo di tolleranza di 5 giorni normalmente previsto a livello normativo.