Capodanno, oggi è la Notte di San Silvestro, anche sarà tutto molto diverso dagli scorsi anni a causa della pandemia di coronavirus

E il giorno che segna la fine dell’anno appena trascorso e che ci introduce ai tradizionali festeggiamenti di Capodanno.

Si chiama la Notte di San Silvestro e come sempre, è stata celebrata nel doodle di Google che per l’occasione quest’anno ha inserito nel suo logo un orologio a cucù con delle luci decorative intorno.

Di sicuro sarà un capodanno molto diverso da quelli che tutti noi abbiamo vissuto ( e festeggiato) fino ad adesso. La pandemia di coronavirus ha infatti costretto una buona parte del mondo, occidentale e non, a delle chiusure nazionali che si sono oltretutto intensificate in questo periodo, proprio allo scopo di evitare festeggiamenti troppo grandi. Provvedimenti che i vari governi hanno ritenuto indispensabili per poter contenere l’emergenza sanitaria in corso. 

Leggi anche: Digitale terrestre, bollino lativù: il nuovo standard DVB-T2

Notte di San Silvestro, da chi prende il nome questa giornata

Pixabay

In Italia ad esempio, tra il coprifuoco disposto tra le ore 22 e le ore 7 del mattino e delle misure restrittive che limitano al minimo indispensabile gli spostamenti, saranno pochissime le famiglie che sceglieranno di muoversi per poter festeggiare questo giorno insieme ad altri parenti o amici.

In molti però non conoscono il motivo per cui quella di oggi è chiamata Notte di San Silvestro. E la prima credenza da sfatare è che questo nome abbia qualcosa a che fare con i capodanno, in quanto fino al settecento in realtà non esisteva una vera data per festeggiarlo e arrivati al finire del mese di Dicembre, ognuno era libero di festeggiare l’anno appena passato nel giorno in cui gli faceva più comodo. 

Leggi anche: Tasse, aumenti a partire da Gennaio 2021: le scadenze

Questa giornata prende invece il nome da un Papa, Silvestro I, che ha guidato la Chiesa tra il 314 e il 335 Dopo Cristo.