Pensioni, aumento dell’assegno: chi ne ha diritto. Potrà avvenire per accredito per addebito e dipenderà da quanto si è presentata la dichiarazione dei redditi. 

Sono in arrivo delle importanti novità per quanto riguarda l’importo degli assegni pensionistici del mese di Ottobre.

Ci sarà infatti un aumento dell’assegno previdenziale, anche se è bene precisare che non riguarderà tutti. Così come era accaduto per Settembre, anche nel mese di Ottobre il pagamento delle pensioni viene anticipato per garantire il rispetto delle norme anti coronavirus.

L’erogazione delle prestazioni previdenziali partirà il 25 settembre. L’aumento si attuerà tramite conguaglio Irpef e riguarderà una categoria ben precisa di pensionati. Verrà calcolato e concesso in base alla dichiarazione dei redditi, e potrà avvenire o tramite accredito o addebito. In caso di accredito, l’aumento dell’assegno previdenziale riguarderà il mese di Ottobre. 

Pensioni, quando presentare dichiarazione dei redditi

Chi ha presentato la dichiarazione dei redditi relativa all’anno 2019 potrebbe già beneficiare di questo aumento. Il sito Money.t riporta che oltre alla dichiarazione dei redditi, il conguaglio Irpef dipenderà anche dalla ricezione del prospetto di liquidazione.

Questo significa che nel caso delle pensioni ci sarà un tempo di attesa più lungo, in quanto il conguaglio scatta a partire dal secondo mese successivo alla ricezione del prospetto. Di norma, la dichiarazione dei redditi deve essere stata presentata entro il 23 Luglio. La data di scadenza è stata però prorogata e ci sarà tempo fino al 30 Settembre 2020 per poter presentare il modello 730. Coloro che l’hanno presentata a Luglio, riceveranno l’aumento già sull’assegno di Ottobre. Chi invece lo consegnerà in questi giorni, dovrà attendere il mese di Novembre per l’erogazione dell’importo spettante.

Leggi anche: Pensioni, Ministra Catalfo: “Ci saranno importanti novità”