In Inghilterra, è stata presentata una denuncia contro Youtube per aver violato sistematicamente le leggi sulla privacy online dei bambini. 

Google si ritrova ad affrontare una causa da 3,2 miliardi in Inghilterra intentata contro YouTube. L’accusa è quella di aver violato la privacy di milioni minorenni sulla piattaforma. Secondo la denuncia infatti, YouTube infrange sistematicamente la legislazione a riguardo raccogliendo informazioni sui minori e monitorando le loro attività su internet, senza che vi sia un esplicito consenso da parte dei genitori.

La notizia è stata da Bloomberg in anteprima. Si tratta della prima causa collettiva in Europa contro un colosso tecnologica per la tutela dei bambini. Negli Stati Uniti, una causa del genere contro Google è già stata mossa. L’anno scorso infatti l’azienda di Mountain View si ritrovò costretta a pagare una multa da 170 milioni di dollari per la violazione condotta da YouTube delle leggi americane sulla privacy on line dei minori.

In Inghilterra, la denuncia presentata all’Alta Corte del Regno Unito porta la firma di Duncan McCann, un ricercatore da sempre impegnato attivamente nella tutela della privacy. È stato sostenuto in questa sua iniziativa dall’azienda tecnologica FoxGlove.

Si tratta di un’impresa britannica che negli anni si è specializza nella giurisprudenza riguardante il mondo tech.

A questo proposito FoxGlove ha dichiarato che “riteniamo che sia illegale perché YouTube elabora i dati di ogni bambino che utilizza il servizio, compresi i minori di 13 anni. Traggono profitto da questi dati, poiché sono pagati dagli inserzionisti per inserire pubblicità mirata sul loro sito web YouTube. Fanno tutto questo senza ottenere il consenso esplicito dei genitori dei bambini”.

Leggi anche: YouTube raccoglie dati dei minori, USA si ribella