Benzina, l’idea che non piacerà agli automobilisti

Il taglio delle accise sui carburanti è stato prorogato fino al 31 dicembre. Per il nuovo anno si pensa ad un cambiamento

Benzina e gasolio (Foto Adobe)

E’ in corso in questi giorni la delicata e importante stesura della legge di bilancio. Si tratta del documento programmatico che indicherà come saranno spesi i soldi disponibili nelle casse statali per l’intero 2023 e nella prospettiva del triennio. Tocca al governo presentare alle Camere il testo in tempo utile per l’approvazione che va fatta entro il 31 dicembre al fine di evitare il limitante esercizio provvisorio.

Per dare tempo alle Camere di apportare modifiche, fare proposte attraverso la presentazione di emendamenti, è necessario presentare il testo di legge in tempo utile. L’idea del governo è presentare la legge già per la terza settimana di novembre. Sul tavolo ci sono diversi provvedimenti promessi nella recente campagna elettorale e altri interventi relativi al contrasto all’inflazione e al caro energia.

Taglio delle accise a rischio per la benzina

auto benzina e diesel stop rinvio
Auto benzina e diesel (Foto Pixabay)

Infatti, in attesa che i recenti accordi sul prezzo del gas trovati in Europa possano produrre effetti positivi sui prezzi energetici prima, e via via sugli altri, è necessario preparare ulteriori misure almeno per i primi tre mesi dell’anno. Tra gli interventi ormai consolidati durante questa fase di aumenti dei costi energetici c’è il taglio delle accise sui carburanti.

Leggi anche: Non solo aumento del tetto: nuova mossa a favore dei contanti

Il taglio di 30 centesimi di euro ha permesso dal mese di giugno di tenere i prezzi dei carburanti ad un costo vicino a quello precedente alla pandemia. Il meccanismo viene finanziato utilizzando l’incasso maggiore proveniente dall’aumento del prezzo. Tuttavia, l’idea del governo è utilizzare questo maggiore incasso di iva per finanziare altri provvedimenti.

Leggi anche: Tetto ai contanti, ora è ufficiale: ecco il nuovo limite

Infatti, la proposta è quella di lasciare il taglio delle accise soltanto al diesel, utilizzato soprattutto a livello industriale, nei trasporti commerciali e pubblici. Si tratta, tuttavia, di una proposta. Quando si mette mano ad  una legge di bilancio è necessario trovare le risorse per indirizzare un provvedimento. Infatti nessuna spesa può essere autorizzata dalla ragioneria di Stato senza la dovuta copertura finanziaria.