Sai qual è l’auto a benzina più economica d’Italia

La fine dell’anno è il momento degli sconti imperdibili, in particolare per il settore dell’automotive, ecco le auto a benzina dalla relazione qualità prezzo più economica

Auto economica benzina consumatore.com 20221115
Auto economica a benzina (Foto Pexels)

La fine dell’anno è sicuramente il momento della verità per tutte le imprese. Ma è il momento delle verità soprattutto per i settori di vendita diretta. Oggi esaminiamo il caso del settore automotive uno dei settori che con la pandemia da coronavirus covid-19, la successiva crisi economica e le conseguente crisi energetica ha sofferto più di tutti.

I dati in tal senso sono emblematici, ad inizio del 2020 nell’automotive lavoravano circa 300.000 persone, oggi sono poco più di 220.000. Ma non solo, l’avvento dell’auto elettrica, se non gestito in maniera adeguata, rischia di far perdere al comparto mezzo milione di posti di lavoro a livello UE. Parole e musica del CLEPA, l’European Association of Automotive Suppliers.

Auto a benzina, ecco la più economica

In questo quadro a tinte fosche diventa inevitabile accelerare lo svuotamento dei magazzini delle auto a benzina. Ad oggi le auto a benzina e diesel rappresentano ancora il 90% delle auto circolanti ma al tempo stesso hanno fatto registrare un crollo delle immatricolazioni passate dalle 850.000 del 2019 alle 410.000 del 2021.

Leggi anche: Tetto ai contanti, ora è ufficiale: ecco il nuovo limite

Il tempo stringe e per questo le principali case automobilistiche per la fine del 2022 mettono sul mercato i saldissimi di fine stagione. Noi della Redazione di consumatore.com abbiamo fatto una piccola ricerca per individuare le cinque auto a benzina più economiche nel rapporto qualità prezzo. Eccole

Leggi anche: Non solo aumento del tetto: nuova mossa a favore dei contanti

In testa, come da due anni a questa parte la Dacia Sandero, che con i suoi 5,4 litri medi di consumo nel combinato ed un prezzo base di 11.700 euro stacca di netto tutte le concorrenti.

A partire dalla Mahindra KUV100 che oltre ai 7,2 litri di consumo sale di prezzo fino ai  13.995 euro. Scendono le prestazioni, 5 litri nel combinato, ma sale alto il prezzo per la Kia Picanto, 14.000 euro il listino base. Comunque un valore molto positivo in rapporto qualità prezzo.

Bene anche la Hyundai i10, 5,3 litri su 100 km ed un valore base di 14.750 euro. Chiude l’ancora vendutissima Fiat Panda che ad un prezzo non banale per il settore, 15.400 euro, unisce un 4,9 litri su 100 km che la fanno ancora preferire a molte altre titolate auto a benzina di fascia economica.