“Segnale assente”. Digitale terrestre, come risolvere il problema

Se si legge la scritta “segnale assente”, non si deve andare nel panico. Probabilmente qualche passaggio è stato omesso

decoder digitale terrestre segnale assente
Decoder digitale (Foto Pixabay)

Da quando è arrivato il nuovo digitale terrestre è iniziata la corsa agli apparecchi di compatibilità. La gara ha preso il via lo scorso anno, quando il cambio di segnale era stato annunciato, e, contemporanamente, anche il bonus Tv. Ovvero lo sconto in fattura per l’acquisto di un televisore a fronte della rottamazione di uno vecchio e non più compatibile. Ma la corsa non è ancora finita. La visione ancora possibile dei canali con il vecchio digitale terrestre dipende dalle zone d’Italia. In ogni caso dal 20 dicembre 2022 tutti i canali in Mpeg-2 verranno spenti. Ciò vuol dire che a partire dal giorno successivo i broadcaster trasmetteranno solo in Mpeg-4.

Quindi la corsa non è finita. Chi non ha ancora provveduto ad adattarsi al nuovo segnale di trasmissione, lo dovrà fare per tempo, altrimenti non potrà usufruire del servizio televisivo, né pubblico né privato. Ci sono due modi per ovviare alla questione. Acquistare un decoder da collegare alla televisione con il vecchio digitale terrestre, oppure ricomprare interamente l’apparecchio televisivo. Il nuovo digitale terrestre è già compreso.

Digitale terrestre, cosa significa “segnale assente” e cosa fare

decoder digitale terrestre segnale assente
Decoder digitale (Foto Pixabay)

Se si opta per il decoder si fa senza dubbio una scelta più economica ma più faticosa. Innanzitutto si tratta di un apparecchio supplementare a cui trovare posto, da spolverare, alimentare con la presa elettrica etc. E poi è fondamentale la fase iniziale di installazione. Purtroppo non sempre le cose vanno lisce. Può capitare che dopo aver installato il decoder del digitale terrestre, avendo seguito tutti i passaggi richiesti, appaia il messaggio “segnale assente” o “no signal”. A quel punto scatta il terrore. Ma niente panico, probabilmente è una sciocchezza che non dipende dal funzionamento né del televisore che del decoder.

Leggi anche: Ora chi farà questo su Amazon rischia denuncia penale

I passaggi da seguire sono semplici, e devono essere fatti con cura e consequenzialmente. Per prima cosa collegare il cavo dell’antenna nel decoder. È attraverso di esso che si riceve il segnale. A seguire si deve accendere il televisore e collegare il decoder tramite cavo HDMI o SCART, a seconda della disponibilità dei due apparecchi. Per una visione di qualità consigliamo un cavo HDMI. È questa la fase in cui può apparire il temuto messaggio di assenza di segnale. Ed allora si eve intervenire sulla sorgente.

Leggi anche: Gruppi Whatsapp, presto troverai un’altra novità

Prendere il telecomando della Tv e premere il tasto “input“. Tra le opzioni che si manifestano scegliere SCART o HDMI, a seconda della porta utilizzata dal decoder. In questo modo si fanno “parlare” i due dispositivi. Riaccendere la televisione ed il problema dovrebbe essere risolto.