Poste, in quali buoni conviene investire quest’autunno

Poste Italiane ha ritirato dal commercio un Buono Fruttifero Postale: ecco adesso in quali è meglio investire questo autunno

buono fruttifero postale
buono fruttifero postale (Foto Adobe)

I buoni fruttiferi postali sono sicuramente tra i prodotti di investimento finanziario preferiti dagli italiani insieme ai libretti di risparmio. Insieme ai libretti i buoni costituiscono il risparmio postale e si presentano sia nella forma tradizionale cartacea e sia nella forma dematerializzata.

Gli italiani si affidano ai buoni fruttiferi postali dal momento che questi sono emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. (CDP), società controllata dallo Stato e lo stesso Stato italiano è garante diretto dei buoni emessi. I buoni fruttiferi postali sono poi collocati in esclusiva da Poste Italiane.

Buoni fruttiferi postali: ecco in quali investire

buoni fruttiferi
buoni fruttiferi postali (Foto Adobe)

Nei mesi scorsi Poste Italiane ha eliminato il buono fruttifero postale 3 Anni Premium ma restano tutti quelli che hanno conservato gli aggiornamenti dei tassi al rialzo del 6 luglio. Anche a causa dell’inflazione che nel mese di agosto ha segnato l‘8,4%, dato più alto dal 1985 ad oggi, gli italiani optano per i buoni fruttiferi postali che danno tassi più bassi rispetto ai Btp ma almeno non subiscono la fluttuazione dei mercati.

Leggi anche: Potrebbe capitarvi questo quando pagate col bancomat

Dopo il buono 3 anni Premium è stato eliminato vediamo quali sono i buoni sui quali investire questo autunno. Coloro che vogliono investire denaro per brevi periodi possono usufruire del buono 3 anni Plus che offre un rendimento alla scadenza solo dell’1%. C’è poi il Buono 3×2 se si vuole investire fino a 6 anni e con rendimento annuo alla scadenza dell’1,75%.

C’è poi il Buono 3×4 per chi vuole investire fino a 12 anni e può essere rimborsato in qualsiasi momento entro il termine di prescrizione e, dopo 3, 6 e 9 anni, anche con il riconoscimento degli interessi maturati. Il rendimento annuo lordo a scadenza è del 2%. Ancora c’è il Buono 4×4 per chi vuole investire fino a 16 anni ed ha un rendimento annuo lordo alla scadenza del 3%.

Leggi anche: In quali casi si perdono i soldi dalla Postepay

Tramite il buono Ordinario si può poi investire fino a 20 anni senza rinunciare alla flessibilità del rimborso in qualsiasi momento, entro il termine di prescrizione. Gli interessi sono riconosciuti dopo 1 anno dalla sottoscrizione e successivamente ogni bimestre, corrisposti al rimborso del Buono. Il rendimento annuo lordo a scadenza è del 2,00%.

Infine citiamo il Buono 4 anni risparmiosemplice che ha una durata di 4 anni con la flessibilità di rimborsalo in qualsiasi momento entro il termine di prescrizione. Alla scadenza si può ottenere un rendimento premiale a scadenza dell’1,50% annuo lordo. Infine c’è il Buono dedicato ai minori con gli interessi che maturano con loro, fino alla maggiore età.