Sorpresa Carlo III: è polemica, cosa viene fuori sull’eredità della regina

Il Re Carlo III può beneficiare di alcuni vantaggi fiscali sulla successione della Regina. Quali sono le proprietà ereditate

Carlo III eredità tasse
Carlo III (Screenshot Instagram)

La morte della regina Elisabetta non ha ancora terminato di creare eco che già si susseguono le notizie sulle conseguenze. Il successore al trono, Re Carlo III, di 76 anni compiuti, erediterà oltre che il trono anche una grande fortuna, in parte già in possesso della famiglia reale, ed in parte accumulata dalla lunga regenza di Elisabetta II. Ad esempio Elisabetta II ha ereditato dalla regina madre molti tesori, non ultima la collezione delle uova Fabergé.

Esiste una clausola sulla tassazione dei beni della famiglia reale che è stata introdotta per rendere il regno indipendente dal governo. Infatti il Regno Unito deve tenere in equilibrio i poteri della Corona con quelli della parte parlamentare. Ed è stato proprio l’ex premier John Major nel 1993 a mettere a punto questa clausola.

Carlo III, in cosa consiste l’eredità

Carlo III eredità tasse
Carlo III (Screenshot Instagram)

L’ex premier del Regno Unito, nel 1993 ha inserto una norma per cui le eredità che passano da sovrano a sovrano, ed anche coniuge, non sono soggette a tassazione. Per tutti gli altri comuni mortali invece, per le eredità al di sopra delle 325.000 sterline è prevista una trattenuta del 40 per cento. Questa norma è valida per le eredità della Corona, ma non per gli introiti personali di un sovrano, che rimangono soggetti a tassazione. Così Carlo III d’Inghilterra, oltre al trono, eredita tutto il patrimonio del Crown Estate, di cui è proprietario solo nominale, senza pagare tasse di successione.

Leggi anche: Riscaldamenti in casa: quale potrebbe essere un’alternativa al gas

Leggi anche: Regina Elisabetta, spuntano testamenti segreti: sorpresa per Carlo III

La Crown Estate è dal 1760 amministrata dallo Stato, e gli introiti vanno nelle casse del Ministero del Tesoro. Ma la proprietà nominale rimane al sovrano. Consiste nei possedimenti reali in Inghilterra, Galles Scozia e Irlanda del Nord, possedimenti a Regent Street, St. James, centri industriali, terreni agricoli per l’astronomica cifra di 15,2 miliardi di sterline (17 miliardi di euro e il 25% di questa somma è destinato alla royal family). In più Carlo III ha ereditato anche il ricco Ducato di Lancaster.